Home Archivio storico 1998-2013 Generico Slittano le graduatorie permanenti

Slittano le graduatorie permanenti

CONDIVIDI
  • Credion

Come aveva preannunziato il ministro De Mauro, il regolare inizio del prossimo anno scolastico si presenta particolarmente "a rischio", a causa dei numerosi adempimenti relativi allo svolgimento delle sessioni riservate di abilitazione/idoneità, al completamento dei concorsi ordinari per esami e titoli, al passaggio del personale ATA dagli Enti Locali alle dipendenze dello Stato, all’avvio dell’autonomia scolastica e alla predisposizione delle graduatorie permanenti.
Il rinvio del termine, precedentemente fissato al 31 agosto 2000, si è reso necessario per venire incontro alle difficoltà incontrate da molti Provveditorati agli Studi per fare fronte all’enorme mole di domande pervenute. Non vi sono, infatti, i tempi tecnici necessari perché il personale degli uffici periferici possa valutare e inserire le istanze nel S.I.M.P.I. prima dell’inizio dell’anno scolastico. Per alleviare lo stato di disagio degli operatori sono state predisposte alcune iniziative come: una consistente integrazione dello stanziamento per il lavoro straordinario, la possibilità di utilizzare fondi speciali per la retribuzione del personale scolastico che partecipa alle operazioni di acquisizione delle domande, una nuova modulistica per velocizzare il calcolo dei titoli culturali e dei servizi.
Le nomine in ruolo degli aspiranti potranno quindi essere effettuate anche per le graduatorie definitive approvate successivamente al 31 agosto e, comunque, entro il 31 dicembre 2000. Al fine di accelerare ulteriormente le operazioni, si procederà alla valutazione e all’inserimento delle domande secondo l’ordine prioritario delle quattro fasce previste dal D.M. 146 del 18 maggio 2000, cioè partendo dall’aggiornamento delle posizioni dei docenti già inseriti nelle graduatorie del soppresso "doppio canale". Laddove tali graduatorie dovessero essere esaurite, si procederà con le fasce successive, fino ad arrivare alla completa copertura dei posti disponibili.
Il provvedimento sarà varato con uno specifico emendamento da inserire nel collegato alla Finanziaria 2000 o con una iniziativa legislativa d’urgenza.