Home Sicurezza ed edilizia scolastica Sopra i 27° C sconsigliato fare attività didattica in aula

Sopra i 27° C sconsigliato fare attività didattica in aula

CONDIVIDI

Il D.Lgs. 81/08 dice che all’interno degli edifici scolastici durante i mesi estivi la temperatura dell’aria consigliata deve essere compresa tra  24 e 27 °C.

Mentre  per i mesi invernali la temperatura  deve variare tra 18 e 22 °C . In tutte e due i casi la tolleranza ammessa è di 1 °C.

ICOTEA_19_dentro articolo

Anche il tasso di umidità relativa viene considerato dal testo unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, infatti, quest’ultima può attestarsi tra il 45 e il 70%.

Inoltre, per evitare sbalzi termici eccessivi e dannosi alla salute degli studenti e del personale scolastico, la differenza tra la temperatura interna dell’ambiente di studio e quella esterna, non dovrebbe essere maggiore di 7 °C (con particolare attenzione all’uso estivo dei condizionatori d’aria).

 

 

{loadposition carta-docente}

 

Detto questo, si può dire che è sconsigliato lo svolgimento di attività didattiche in ambienti dove la temperatura sia superiore ai 27 gradi centigradi, a maggior ragione se le temperature estive raggiungono i quasi 40 gradi centigradi.

Allo stesso modo, nel caso della presenza in funzione  di impianti di condizionamento dell’aria, in aula non si dovrebbe scendere sotto i 24 gradi centigradi, tenendo ben presente la temperatura degli ambienti privi di condizionatori, affinché la differenza di temperatura non sia oltre i limiti consentiti, ovvero 7 °C.

 

{loadposition facebook}