Home Attualità Spazio alla scuola, una piattaforma gratuita per rientrare a scuola in sicurezza

Spazio alla scuola, una piattaforma gratuita per rientrare a scuola in sicurezza

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Per rientrare a scuola a settembre in sicurezza ecco “Spazio alla scuola”, una piattaforma informatica gratuita, pensata e sviluppata dalla Fondazione Agnelli, insieme a BIMGroup del Politecnico di Milano e all’Università di Torino, disponibile online all’indirizzo www.spazioallascuola.it

Si tratta di uno strumento pensato per aiutare le scuole a preparare la ripresa delle attività didattiche a settembre dopo l’emergenza dovuta al Covid 19. In sostanza, fornisce ai dirigenti scolastici e ai loro collaboratori un supporto concreto per verificare la capienza degli spazi scolastici e programmare flussi scaglionati delle classi all’ingresso e in uscita.

Per la riapertura a settembre, infatti, ogni scuola dovrà ripensare aspetti della propria  organizzazione per garantire la sicurezza nel rispetto delle indicazioni delle Linee Guida del Ministero dell’Istruzione e del Comitato Tecnico Scientifico.

ICOTEA_19_dentro articolo

In vista della riapertura la piattaforma:

  • aiuta a configurare le aule e gli spazi didattici dentro ogni edificio scolastico sulla base delle dimensioni del locale e degli arredi (cattedre e banchi), alla luce dei parametri di distanziamento interpersonale previsti. Compilando una serie di campi con i dati richiesti si otterranno la capienza massima dello spazio didattico e una sua configurazione adeguata;
  • attraverso lo stesso meccanismo di imputazione dei dati, aiuta a definire e simulare i flussi degli studenti per entrare e uscire da scuola, calcolando i tempi, in base al numero degli accessi, delle scale, dei piani dell’edificio. Aiuta quindi a programmare scaglionamenti in ingresso e uscita degli studenti e delle classi, sempre nell’ottica di garantire la sicurezza ed evitare assembramenti.

La piattaforma permette inoltre di simulare, testare e confrontare fra loro anche soluzioni inedite e meno ovvie.

Preparazione concorso ordinario inglese