Home Alunni Studiare è un gioco da ragazzi: in un istituto siciliano ecco l’edutainment

Studiare è un gioco da ragazzi: in un istituto siciliano ecco l’edutainment

CONDIVIDI

Chi ha detto che imparare non possa essere divertente?

Si chiama edutainment la nuova frontiera dell’apprendimento, quella che unisce allo studio il piacere del gioco, al centro del progetto Erasmus “Edutainment with the Intelligence Games”, promosso dall’Istituto Comprensivo “Filippo Traina” di Vittoria (RG), che per la terza volta partecipa al programma europeo di respiro internazionale.

Idea guida del progetto di quest’edizione, che unirà per due anni Italia, Turchia, Romania e Lituania, quella che sia possibile sviluppare conoscenze e competenze attraverso esperienze divertenti e coinvolgenti. Perché i giochi possono contribuire a stimolare l’intelligenza dei ragazzi, la loro creatività, l’apertura mentale.

ICOTEA_19_dentro articolo

Saranno circa 30 i ragazzi, di età compresa tra gli 11 e i 13 anni, a partecipare alle attività dell’Istituto retto dal Dirigente Scolastico Carmelo La Porta, guidati dalla docente di lingua inglese Giusy Lo Magno e dal suo team.

Tra i momenti più attesi, che saranno documentati anche sulla piattaforma e-Twinning, il gemellaggio con gli studenti delle scuole partecipanti, la “Ion Rosca” di Cochirleanca in Romania, la “Sehitler Ortaokulu” di Manisa in Turchia e la “Kelmes Rajono Lioliu Pagrindine Mokykla” di Lioliu in Lituania.

Obiettivi del progetto contrastare la dispersione scolastica, favorire le competenze chiave europee e la cultura dell’inclusione, educare alla cittadinanza attiva a livello nazionale ed europeo, promuovendo il rispetto delle differenze e il dialogo tra le varie culture.

Far conoscere ad altri Paesi le proprie tradizioni e scoprire nuovi stili di vita e culture sarà per i ragazzi un’occasione preziosa per sentirsi protagonisti del mondo in cui vivono e parte importante di una società in continuo cambiamento.