Home Attualità Teacher Pride a sostegno della docente sospesa a Palermo: i contributi dei...

Teacher Pride a sostegno della docente sospesa a Palermo: i contributi dei lettori

CONDIVIDI

I docenti del Liceo Anco Marzio di Ostia, indignati per “l’ingiustizia” subita dalla professoressa Rosa Maria Dell’Aria, lanciano il Teacher Pride, in programma, per oggi,  martedì 21 maggio.

TEACHER PRIDE
#iononSorveglioSveglio

Martedì 21 maggio, alle ore 11, ogni insegnante, studente, cittadino che voglia riaffermare la libertà di pensiero e di insegnamento, dovunque si trovi, interromperà le proprie attività, si metterà in piedi e leggerà di seguito gli articoli 21 e 33 della Costituzione italiana. Laddove possibile la lettura solenne sarà fatta in gruppo. 

ICOTEA_19_dentro articolo

Chi vuole può mandarci, tramite la nostra pagina Facebook o all’indirizzo di posta elettronica [email protected], documenti, video o tutto ciò che si ritiene utile per testimoniare l’adesione all’iniziativa

Ecco il video della lettura degli articoli 21 e 33 della Costituzione da parte della classe IV C della scuola Primaria Roncalli – ic Settimo 2 di Settimo Torinese.

Ecco il contributo dell’Istituto comprensivo Lavello 1 (Potenza)

 

Ecco il contributo di Antonella Camporeale e Maddalena Salvemini, docenti di Filosofia e Storia al Liceo Classico di Molfetta

Ecco il contributo dell’Istituto comprensivo Forno Canavese (To), plesso di Rivara.

Ecco il contributo del Liceo De Cosmi di Palermo, classe 5O

Ecco il contributo delle donne di CGIL Miranese, Venezia

Ecco il contributo dell’Istituto professionale Agrario De Franceschi, Pistoia, classe 1 A.

Ecco l’iniziativa del I.C.Bozzano – Scuola Media Marzabotto di Brindisi.

Ecco il contributo inviato dal 1° Circolo Didattico di Rosignano Solvay a Livorno

Qui sotto il video contributo del Liceo Tommaso Campanella di Lamezia Terme

Di seguito il contributo delle classi 5U, 4 S e 3 U dell’Istituto Galileo Galilei di Ostiglia (Mantova).

In molte scuole della provincia di Vicenza (Licei Quadri e Fogazzaro, istituti Lampertico, Canova, Rossi, Fusinieri, Da Schio, …) gruppi spontanei di docenti hanno attivato una raccolta firme per chiedere il ritiro immediato di questo provvedimento sproporzionato e hanno anche partecipato con i loro studenti alla lettura degli art. 21 e 33 della Costituzione.

Inoltre, hanno espresso solidarietà alla docente Dell’Aria di Palermo e partecipato al Teacher Pride:

– I plessi di Castelnuovo Val di Cecina e Larderello della scuola secondaria di I grado dell’I.C. “Tabarrini” di Pomarance;

– L’istituto Comprensivo “Daniele Manin” di Roma

– Il Conservatorio “A. Corelli” di Messina

– I docenti Loretta Pizzetti, Tiziana Berti, Raffaella Luti, Maria Serena Fommei, Lucia Meucci dell’Istituto Bernardino Lotti di Massa Marittima (Grosseto).

– Anche il Liceo Scientifico – classico  “G. Stampacchia” di Tricase (LE) ha voluto aderire all’iniziativa.

– Anche il Liceo Statale “Pasquale Villari” di Napoli ha partecipato al Teacher

Da segnalare anche la partecipazione al Teacher Pride della Scuola Normale Superiore di Pisa, che nella giornata del 21 maggio, nel corso di una lezione dedicata a Spinoza e alla storia della tolleranza, tenuta da uno dei massimi studiosi al mondo di questi temi, il prof. Steven Nadler dell’università di Madison, ha predisposto anche un collegamento in streaming.

Articolo 21

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria  nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Articolo 33

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.

La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali

E’ prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.

Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.