Home Attualità Telefono Azzurro cerca 36 giovani volontari per il Servizio civile anti-bulli

Telefono Azzurro cerca 36 giovani volontari per il Servizio civile anti-bulli

CONDIVIDI
  • Credion

Telefono Azzurro seleziona 36 giovani volontari, tra i 18 e i 28 anni, all’interno del Piano Servizio Civile Nazionale 2017 con il progetto “Dico No al bullismo” per le sedi di Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Roma e Torino.

Il Progetto “ha l’obiettivo – spiega l’associazione – di coinvolgere un numero sempre crescente di giovani alla partecipazione attiva e alla riflessione sul tema dei diritti dell’infanzia attraverso metodi innovativi e di partecipazione.

In particolar modo, l’iniziativa ha l’obiettivo di prevenire l’influenza del fenomeno del bullismo nelle scuole dei territori coinvolti, di promuovere nei giovani la capacità di comprendere e gestire le potenzialità e i pericoli della Rete e di rafforzare il dialogo familiare purtroppo sempre più in calo”.

Bando Residui 2017

Il servizio civile prevede un impegno di 30 ore distribuite su 5 giorni a settimana e il riconoscimento di un contributo mensile di 433,80 euro, oltre alla partecipazione a un percorso formativo al termine del quale verrà rilasciato un attestato di partecipazione, che indicherà le competenze acquisite.

Le candidature dovranno essere consegnate entro le ore 14 di lunedì 20 novembre, attraverso le modalità indicate sul sito www.azzurro.it alla sezione Azzurro blog.

Non possono presentare domanda giovani che: già prestano o abbiano prestato servizio civile in qualità di volontari ai sensi della Legge n. 64 del 2001, ovvero che abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista, nonché coloro che alla data della pubblicazione del presente bando siano impegnati nella realizzazione di progetti di servizio civile nazionale per l’attuazione del programma europeo Garanzia Giovani; abbiano in corso con l’Ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.