Home Attualità Test Invalsi in inglese nella scuola primaria, rete va in “tilt” tra...

Test Invalsi in inglese nella scuola primaria, rete va in “tilt” tra le proteste degli studenti

CONDIVIDI

Al via le prove Invalsi per i bambini della V elementare che si sono cimentati, per la prima volta in assoluto, con la prova in Inglese, suddivisa in ascolto e lettura.

Il 9 maggio le classi II e V sosterranno le prove Invalsi di Italiano; l’11 maggio le prove invalsi di Matematica.

Le classi campione sono 1440 e coinvolgeranno 28.326 studenti; le classi non campione sono 28.333 e gli studenti coinvolti 533.444, per un totale complessivo di 29.773 classi e 561.770 studenti.

ICOTEA_19_dentro articolo

Fino alle ore 8,50 – da quanto si è appreso dallo stesso Istituto per la  valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione – ci sono  stati alcuni rallentamenti nella distribuzione dei file audio contenenti  la prova da scaricare a causa dell’elevatissimo traffico sulle pagine  del sito Invalsi.

“Grazie alla collaborazione di tutti – spiega l’Invalsi – la congestione sulla rete è stata superata e le prove si  sono svolte regolarmente”.

 

Non mancano le proteste

L’Unione degli studenti ha annunciato una mobilitazione, dal 7 maggio, dentro e fuori le scuole, con la campagna ‘Se sbagli sei fuori!’ che ha l’obiettivo dichiarato di non compilare le prove e di cancellare l’Invalsi.

“Se il Miur elogia l’innovazione di queste novità, gli studenti subiscono la repressione che questo meccanismo innesca – spiega Francesca Picci, coordinatrice dell’Unione degli studenti – Negli scorsi anni il boicottaggio di massa dei test a crocette ha lanciato uno scomodo segnale al Ministero dell’Istruzione, mettendo in luce la forte contrarietà della scuola nei confronti di un sistema di valutazione parziale e dannoso, che valuta solo nozioni e che riproduce le disuguaglianze tra Nord e Sud del Paese e tra scuole ‘più innovative’ e scuole ‘più arretrate’ – conclude Picci – una valutazione prepotente del merito che mira a escludere chi rimane indietro e a premiare chi si trova già in una posizione privilegiata, promuovendo l’impostazione neoliberale del ‘mercato’ della formazione, dove non si promuove la cooperazione ma si alimenta la competitività”.