Home Mobilità Trasferimenti scuola primaria, andrà tutto liscio o sarà nuovo flop?

Trasferimenti scuola primaria, andrà tutto liscio o sarà nuovo flop?

CONDIVIDI
  • GUERINI

La mattina del 27 luglio 2016, il “the day after“ del mancato esito dei trasferimenti per infanzia e primaria, il Miur aveva comunicato che per la scuola dell’infanzia i risultati dei trasferimenti erano stati pubblicati nella stessa giornata del 27 luglio, mentre per la primaria si sarebbe dovuto aspettare la notte tra il 28 e il 29 luglio, che comunque i docenti della primaria al loro risveglio, cioè nella mattinata del 29 luglio 2016 avrebbero ricevuto le mail dell’esito del loro trasferimento.

Al momento tutto tace, ma certamente sarà questione di qualche ora e la pubblicazione dei trasferimenti sarà visibile tramite il servizio Consultazione nuova mobilità 2016, su istanze online del Miur. Ma come avviene la consultazione degli esiti della mobilità fase B, C e D della mobilità 2016/2017 per la scuola dell’infanzia e primaria?

Icotea

Bisogna collegarsi al sito del Miur e andare su istanze online, andare su accedi servizi inserendo la propria user e la password. Una volta entrati nell’area delle istanze online, in altro a destra si trova il menù “Altri servizi”, si procede con accedi. Si entra in un elenco di servizi , tra i quali si trova Consultazione Domande Nuova Mobilità 2016. Cliccando su questa Consultazione, comparirà un’altra pagina con scritto nuovamente “Consultazione Domande Nuova Mobilità 2016”, quindi cliccando sul pulsante Avanti in basso a sinistra, si accede all’informazione dell’avvenuto o non avvenuto trasferimento. Anche andando sulla posta elettronica istituzionale si riceverà la stessa comunicazione.

Per adesso tutto tace e moltissimi docenti sono in attesa trepidante. Una domanda comunque, visto le tensioni del 26 luglio 2016, bisogna farla: “Trasferimenti primaria andrà tutto liscio o sarà nuovo flop?” . Speriamo ovviamente che presto tutti possano conoscere le loro destinazioni e speriamo anche che gli errori e i ricorsi siano limitati e fisiologici.