Home Attualità Trasporto scolastico, Granato (M5S) vuole fondo perequativo per garantire equità nazionale

Trasporto scolastico, Granato (M5S) vuole fondo perequativo per garantire equità nazionale

CONDIVIDI

La Senatrice Bianca Laura Granato del Movimento 5 Stelle spiega che serve un fondo perequativo per garantire a tutti i bambini, anche quelli che vivono in Comuni con minor gettito fiscale, di avere garantiti gli stessi servizi scolastici, in particolare sul trasporto scolastico, dei Comuni più virtuosi. In buona sostanza i bambini di Reggio Calabria dovrebbero avere gli stessi diritti di quelli di Reggio Emilia.

Post Facebook di Bianca Laura Granato (M5S)

Oggi in Commissione #QuestioniRegionali ho formulato il parere sul Decreto Scuola, adesso all’esame della Camera dei Deputati.

La parte di competenza della Commissione Questioni Regionali del DL.2222 è l’art. 3 comma 2 sul #TrasportoScolastico.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’art.3 comma 2 propone l’interpretazione autentica, quindi anche retroattiva, sulla possibilità di dare l’esenzione o applicare una scontistica particolare da parte dei Comuni sul trasporto scolastico per i bambini della scuola primaria statale.

Per effettuare ciò si riconosce come interpretazione autentica quella presente nella delibera 25/2019 della Corte dei Conti, sezione Autonomie, che associa il diritto al trasporto scolastico al diritto allo Studio.

Questo aiuterá i Comuni a risolvere alcuni contenziosi che potevano vederli soccombenti per #dannoerariale.

Sacrosanto!!

Ma, se il #TrasportoScolastico è un diritto connesso a quello allo studio allora va garantito in maniera uguale in tutta Italia!!

Infatti se recepiamo l’orientamento affermato dalla delibera 25/2019 della Corte dei Conti, sezione autonomie, ovvero colleghiamo il servizio di trasporto scolastico al diritto allo studio, di fatto stiamo introducendo la possibilità per i comuni a maggiore gettito fiscale di utilizzare il residuo fiscale per il trasporto scolastico e quindi creiamo i presupposti per una spesa storica e per trattenere quota parte del residuo fiscale per questo servizio.

Tenendo conto che non tutti i comuni possono erogarlo a titolo gratuito applicando una scontistica, noi, collegando il trasporto scolastico al diritto allo studio, di fatto rischiamo di creare bambini con diritti di serie a e bambini con diritti di serie b.

Quindi serve un #fondoperequativo per garantire lo stesso servizio agli studenti residenti nei comuni a minor gettito fiscale.

È quanto ho richiesto nel parere espresso in Commissione Questioni Regionali e in un emendamento depositato per la legge di Bilancio.