Home Pensionamento e previdenza Trattenimento in servizio: quando è possibile? Novità nella legge di Bilancio

Trattenimento in servizio: quando è possibile? Novità nella legge di Bilancio

CONDIVIDI

Il decreto legge n. 90 del 24 giugno 2014, convertito con modificazioni dalla legge 11 agosto 2014, n.114, ha abolito l’istituto del trattenimento in servizio oltre i limiti di età, fatta eccezione per i casi in cui la permanenza sia necessaria al fine di maturare una anzianità minima contributiva per il diritto a pensione. Pertanto, hanno diritto al trattenimento in servizio solo i dipendenti che compiendo 66 anni e 7 mesi entro il 31/8/2018 non sono in possesso di una anzianità contributiva di 20 anni.

L’art.1 comma 257 della legge 208/2015 ha tuttavia previsto che il personale della scuola impegnato in innovativi e riconosciuti progetti didattici internazionali svolti in lingua straniera, al raggiungimento dei requisiti per la quiescenza, possa chiedere l’autorizzazione al trattenimento in servizio per non più di due anni.

A tale proposito, la Legge di Bilancio 2018 ha previsto un’estensione dei tempi: infatti, il comma 630 così dispone:

ICOTEA_19_dentro articolo

Alla legge 28 dicembre 2015, n. 208, comma 257, primo periodo, le parole: « non più di due anni » sono sostituite dalle seguenti: « non più di tre anni »”.

Quindi, il comma 257 diventa:

257. Al fine di assicurare continuità alle attività previste negli accordi sottoscritti con scuole o università dei Paesi stranieri, il personale della scuola impegnato in innovativi e riconosciuti progetti didattici internazionali svolti in lingua straniera, al raggiungimento dei requisiti per la quiescenza, può chiedere di essere autorizzato al trattenimento in servizio retribuito per non più di tre anni. Il trattenimento in servizio è autorizzato, con provvedimento motivato, dal dirigente scolastico e dal direttore generale dell’ufficio scolastico regionale. Dall’attuazione del presente comma non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica”.

CONDIVIDI