Home Sicurezza ed edilizia scolastica Tre miliardi e mezzo per la scuola

Tre miliardi e mezzo per la scuola

CONDIVIDI

Inizia con più di un’ora di ritardo la conferenza stampa del Presidente del Consiglio che apre l’incontro con i giornalisti parlando di un paio di questioni che non sono state oggetto delle decisioni del Consiglio dei Ministri di poche ore fa.
“Entro aprile faremo la riforma della pubblica amministrazione, e non solo perché la nostra idea è anche quella di superare l’attuale sistema dei Tar” annuncia Renzi che subito aggiunge: “E così dal prossimo 1° luglio ci sarà una Italia più leggera”.
Poco dopo si parla scuola.
A Palazzo Chigi, spiega il Presidente del Consiglio, è già attiva una unità di missione che sta operando in stretto rapporto con il Miur: “Bisogna ripartire dall’educazione, dalle scuole, dalle aule e per questo abbiamo messo in cantiere una spesa di 3 miliardi e mezzo di euro per interventi nel settore dell’edilizia scolastica”.
“Si tratta di un intervento importante per rendere le scuole più sicure 
– dice Renzi – ma anche per favorire il rilancio dell’edilizia. Sarà un grande intervento economico e noi questi soldi li vogliamo spendere subito perché abbiamo già deciso che staranno fuori dal patto di stabilità”
Ma come verranno decisi gli interventi ?
Ci sarà l’architetto Renzo Piano a fare da consulente al Governo per far sì che il “rammendo” a cui saranno sottoposti gli edifici scolastici sia una operazione di qualità.
“Perché – ha sottolineato Renzi – la scuola è il luogo dal quale riparte una comunità”.
E c’è una novità interessante anche per le retribuzioni di una buona fetta dei dipendenti del Miur. Il presidente del Consiglio, infatti annuncia, che a partire dal prossimo mese di maggio, ci sarà un taglio significativo di Irpef e Irap che consentirà di mettere nelle buste paga almeno 80-85 euro al mese. Il provvedimento, chiarisce Renzi, riguarderà tutti gli stipendi al di sotto dei 1.500 euro netti.

CONDIVIDI