Home Attualità UK, elevata disomogeneità culturale per eguale internazionalizzazione. Il caso studio

UK, elevata disomogeneità culturale per eguale internazionalizzazione. Il caso studio

CONDIVIDI

La globalizzazione, come elemento – o fenomeno – che rende interdipendenti sistemi geograficamente distanti, interessando persone, merci ed informazioni, si apprende anche a scuola. Non ci si limita, almeno nel singolare caso del Regno Unito, a ricordarne i meri aspetti essenziali senza scendere in un assetto pratico che, almeno didatticamente, risulta più appetibile per vivacizzare nozioni, abilità, attitudini dei singoli studenti. Numerosi di costoro, almeno nel Regno Unito, sono di fede islamica o induista, immigrati durante i conflitti d’indipendenza e di affermazione nazionale che infiammavano il Sud-Est asiatico. Il tentativo della didattica interculturale – o transculturale – è proprio ripristinare alla radice il concetto di keep in touch tipico dell’integrazione studentesca, in grado di riavvicinare gli studenti stranieri alle proprie origini etnoculturali mediante specifici laboratori e piani didattici nonché favorendo anche l’interesse degli studenti britannici. Il quotidiano anglosassone The Guardian ha raccolto numerose testimonianze di tali programmi. 

Tra inglese e urdu, tra cattolicesimo ed islam: il caso di Emilia

Ogni sabato mattina, tuffandosi nella piscina locale, Emilia indossava il suo shalwar kameez e si recava a scuola del fine settimana della propria moschea. Lì, si sedeva a gambe incrociate su stuoie di preghiera con altre ragazze, con le  teste coperte da morbide sciarpe di chiffon, ascoltando attentamente le storie della storia islamica, prima di aggiornarmi sui pettegolezzi scolastici e su Top of the Pops di quella settimana. Avevo sette anni quando ho iniziato a frequentare la scuola di Bradford e 15 quando me ne sono andato – ha detto Emilia a The Guardian. “Erano gli anni ’80 ed eravamo una ventina.  I nostri genitori si conoscevano tutti, la maggior parte della congregazione era di origine pakistana e la maggior parte dei bambini era di seconda generazione. Abbiamo imparato le basi della fede islamica, come offrire la preghiera in arabo con traduzione in inglese, come leggere il Corano e cosa ci richiedeva l’essere musulmani”, ha aggiunto. I ragazzi hanno partecipato a giornate sportive e gare di discorso, siamo andati a nuotare e abbiamo imparato a cucinare.  Hanno, come testimoniato da Emilia, navigato fattivamente tra due culture e lingue, intrecciando inglese e urdu.

Icotea

Craig Easton racconta con le sue istantanee l’internazionalizzazione della didattica

Le scuole supplementari sono comuni a una varietà di culture.  Il fotografo Craig Easton ha trascorso diversi mesi viaggiando attraverso il Regno Unito, documentando gli studenti delle scuole del sabato e della domenica, da una scuola giapponese a Livingston a una scuola nel Buckinghamshire per bambini di origine africana. “Ci sono centinaia di queste scuole, piene di bambini britannici che vogliono celebrare la loro eredità e cultura familiare”, dice.  “Alcune scuole sono scuole di fede, e altre parlano di ‘questo è il paese da cui vieni, e questo è il contesto politico del luogo’”. Easton, un fotografo pluripremiato, ha un filo conduttore nel suo lavoro: l’idea che sia possibile essere britannici e mantenere la propria eredità inalterate. È desideroso che le sue immagini siano un antidoto all’ascesa del nazionalismo di destra. “La fotografia e il giornalismo sono così bravi a far brillare la luce negli angoli bui, ma volevo ribaltare la situazione e dire quanto siano brillanti alcune cose in tutto il paese. Questi sono ragazzi con forti accenti mancuniani o scozzesi che celebrano la loro cultura giapponese o la loro cultura polacca.  Sono tutti profondamente legati alla cultura o alla fede, pur essendo profondamente britannici”. Easton ha detto di essere stato accolto fragorosamente da tutte le scuole. “I bambini erano molto orgogliosi della loro identità culturale, ed è stato celebrativo.  Questo è ciò che mi è piaciuto”, ha raccontato a The Guardian. Uno dei gruppi che ha visitato era una scuola polacca ad Aylesbury. Dopo che la Polonia è entrata a far parte dell’UE nel 2004, la comunità nel Regno Unito ha iniziato a crescere. Quattro anni dopo, la comunità polacca locale ha istituito la scuola del sabato di Aylesbury come mezzo per mantenere le proprie tradizioni e la propria lingua.