Home Generale Un impegno di ricerca per Palmira

Un impegno di ricerca per Palmira

CONDIVIDI
  • Credion

La recente riconquista dell’antica città di Palmira, danneggiata nel corso del conflitto siriano, sta richiamando l’interesse e la responsabilità dei ricercatori affinché si possano recuperare siti distrutti o compromessi in contesti di guerra. All’appello non mancano alcuni istituti del Cnr che hanno maturato una forte specializzazione nel settore. Tra questi, l’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam – Cnr) che già da tempo opera in contesti mediorientali (Turchia, Iraq e Siria) e fornirà un ‘supporto’ ai Caschi Blu per la cultura, la task force Unit4Heritage, istituita a seguito dell’accordo siglato tra il Governo italiano e l’Unesco per la salvaguardia del patrimonio dell’antica città siriana. Si ricorda che Palmira,città patrimonio dell’Unesco, è stata quasi del tutto distrutta, infatti, la follia dello Stato islamico a suo tempo tra i tanti beni archeologici fece saltare sia l’arco di trionfo sia il tempio di Bel.