Home Archivio storico 1998-2013 Generico Una tesi sulle tecnologie informatiche nella scuola

Una tesi sulle tecnologie informatiche nella scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Recentemente, Delia Barbagallo si è laureata in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Catania discutendo, con risultati brillanti, una tesi sperimentale su "Innovazione amministrativa e tecnologie informatiche nel sistema scolastico". Relatore è stato il prof. Nicola Palazzolo.
La tesi della dott.ssa Barbagallo è suddivisa in due parti, la prima delle quali riguarda l’informatizzazione della Pubblica Amministrazione. La seconda parte, molto più ampia, prende in esame direttamente i temi legati all’informatica nel settore scolastico ed è suddivisa in cinque distinti capitoli.

Nella "premessa" alla seconda parte della tesi di laurea, Delia Barbagallo scrive: "Sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie nel comparto dell’istruzione è utile sia dal punto di vista didattico (basti pensare a tutti i moderni mezzi di e-learning), sia dal punto di vista più strettamente amministrativo e gestionale. I singoli istituti scolastici, soprattutto in seguito alle recenti riforme in tema di autonomia scolastica, si avviano ad assomigliare sempre più ad imprese dalla struttura spesso complessa ed articolata. L’informatizzazione rappresenta un tassello fondamentale per l’attuazione dell’autonomia scolastica: i nuovi e maggiori compiti trasferiti alle istituzioni scolastiche necessitano di strumenti tecnologicamente avanzati per il trattamento dei dati".

La seconda parte della tesi si occupa degli aspetti amministrativi, documentari e didattici collegati all’informatica nel settore scolastico e i capitoli che la compongono riguardano: "Il sistema informativo del Ministero della Pubblica Istruzione", "Sistemi informatici per l’amministrazione degli istituti scolastici", "La logica di rete nella scuola", "L’informatica giuridica documentaria per la scuola", "L’informatica nella formazione del personale e nella didattica".

Nel capitolo "L’informatica giuridica documentaria per la scuola" si fa anche riferimento alle banche dati di normativa scolastica ed un paragrafo viene riservato a quella realizzata dalla Casa editrice "La Tecnica della Scuola". Sulla banca dati allestita nel sito www.tecnicadellascuola.it e definita da Delia Barbagallo "la più completa banca dati di legislazione scolastica esistente attualmente in Italia", l’autrice scrive: "Migliaia di provvedimenti riguardanti l’universo della scuola, emanati in un periodo compreso tra i primi del Novecento e i giorni nostri, sono catalogati e classificati in modo da rendere questa banca dati una delle più avanzate ed affidabili in questo campo".

Nelle parte conclusiva del suo lavoro, Delia Barbagallo evidenzia che "la situazione strutturale dell’accesso nel sistema scolastico italiano rimane, purtroppo, l’aspetto più largamente deficitario: le scuole cablate sono ancora una minoranza, i (…) collegamenti a banda larga sono tuttora disponibili in un numero limitato di istituti, le apparecchiature informatiche sono spesso obsolete o inadeguate. E’ stato portato avanti qualche progetto di rete scolastica, sono state realizzate reti tra scuole e portali relativi all’offerta formativa a vari livelli; sono state effettuate attività progettuali per lo sviluppo e la valorizzazione di strumenti informatici per la didattica; ma la formazione, lo sviluppo della cultura di rete, l’utilizzo didattico della multimedialità non sono decollate come auspicato dall’ambizioso programma ministeriale".