Home Politica scolastica Unione degli Studenti: l’appello ai deputati Pd per le private è una...

Unione degli Studenti: l’appello ai deputati Pd per le private è una vergogna

CONDIVIDI

Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti, reputa “vergognosa” la lettera-appello scritta da 44 deputati appartenenti a gruppi parlamentari di maggioranza inviata al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, pubblicata il 1° marzo dal quotidiano Avvenire.

“Apprendiamo a mezzo stampa – dice Lampis – della volontà di 44 deputati appartenenti a gruppi parlamentari di maggioranza in una lettera-appello al presidente del Consiglio, pubblicata oggi dal quotidiano Avvenire, di voler favorire ulteriormente le scuole private. La lettera dei parlamentari è vergognosa e siamo pronti a dar battaglia qualora le loro idee venissero prese realmente in considerazione a partire dalla giornata di mobilitazione nazionale studentesca del 12 marzo”.

Icotea

Secondo il rappresentante Uds, “i fondi alle scuole paritarie private, oltre a essere un vero e proprio spreco, sono uno schiaffo alla dignità alla scuola pubblica e alle migliaia di studenti, insegnanti e famiglie che le frequentano. La scuola pubblica vive una situazione drammatica, massacrata dai tagli degli ultimi sei anni e pensare di equiparare sulla scala delle priorità il finanziamento delle private è offensivo”. “Non accettiamo ulteriori sgravi alle scuole private attraverso la detrazione fiscale, buoni scuola e nuovi finanziamenti”, sottolinea l’esponente Uds. “Le dichiarazioni del sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi di pochi giorni fa in merito a nuove soluzioni per garantire la parità scolastica, che verrebbero presentate il 3 marzo nel Consiglio dei Ministri, purtroppo – afferma ancora Lampis – sono in linea con la richiesta dei 44 parlamentari. Loro dicono che la scuola privata sta diventando una scuola per ricchi: oltre a danneggiarci vogliono pure beffarsi di noi. E’ la scuola pubblica, quella dove va circa il 90% degli studenti, che sta diventando – conclude – sempre più costosa per l’inesistenza di investimenti pubblici e diritto allo studio”.

Lampis ritiene, quindi, “che sia giunto il momento di azzerare definitivamente i fondi alle scuole paritarie private e rivendichiamo la modifica della legge 62/2000 con la separazione tra scuole private e scuole pubbliche non statali, in modo tale che si possano azzerare i finanziamenti alle private senza danneggiare le scuole pubbliche non statali che rientrano ad oggi tra le paritarie”.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola