Home Concorsi Usr in affanno per la composizione delle commissioni

Usr in affanno per la composizione delle commissioni

CONDIVIDI
  • Credion

L’aumento dei compensi per i commissari di concorso promesso dal Governo non sta dando i risultati sperati.  

Secondo la Gilda degli Insegnanti in molte regioni d’Italia i docenti stanno subendo forti pressioni da parte delgli Usr che fanno sempre più fatica a mettere insieme le commissioni per  i concorsi a cattedre.
Nel giro di pochi anni un incarico tradizionalmente ambito (il “gettone” non era disprezzabile ed era anche previsto l’esonero o il semiesonero dal servizio) si è trasformato in una sorta di “gabella” che ben pochi sono disposti ad accettare.

Icotea

“Partecipare alle commissioni del concorso – ricorda il coordinatore nazionale della Gilda Rino Di Meglio – non è un obbligo previsto dal contratto di lavoro e gli Usr non possono imporre ai docenti di accettare le nomine di ufficio”.

La situazione che si è creata in molte regioni è paradossale: da un lato gli Uffici scolastici regionali hanno facoltà di procedere con la nomina di ufficio se mancano candidature spontanee, “ma sottolinea Di Meglio – non esiste alcun obbligo da parte dei docenti di accettare l’incarico: il CCNL, infatti, stabilisce l’obbligatorietà del compito soltanto per le commissioni di esame per gli alunni”.

Peraltro va anche detto che – ad oggi – la questione dell’aumento dei compensi per i commissari non è affatto risolta, perchè il provvedimento legislativo è ancora all’esame del Senato.