Home Alunni Vaccini, corsa per la scadenza del 10 marzo. Cosa accade in caso...

Vaccini, corsa per la scadenza del 10 marzo. Cosa accade in caso di mancata certificazione?

CONDIVIDI

Meno di un mese alla scadenza del termine ultimo per presentare alle scuole le certificazioni relative ai dieci vaccini obbligatori per legge.

Le dieci vaccinazioni obbligatorie per i minori di età compresa tra zero e sedici anni sono: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenza e tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. Quest’ultima è obbligatoria solo per i nati dal 2017. Le vaccinazioni che sono invece raccomandate e gratuite per i minori di età compresa tra zero e sedici anni, sono: anti-meningococcica B, anti meningococcica C, anti-pneumococcica, anti-rotavirus.

Icotea

Cosa accade in caso di mancata certificazione entro il 10 marzo 2018? 

I bambini non vaccinati ma che hanno preso un regolare appuntamento alla Asl per la vaccinazione non potranno essere esclusi il 10 marzo. Le scuole non sono tenute a conoscere lo stato vaccinale dei propri alunni. Il 10 marzo riguarda solo coloro che presentarono un’autocertificazione a settembre, nella quale dichiaravano di essere già in regola e si impegnavano a dimostrarlo entro tale data.
Pubblichiamo, a corredo dell’articolo, un utile vademecum, dell’associazione “La Scuola che accoglie”

Vademecum Per L’applicazione Della Legge 119 2017

Le risposte dell’Ufficio scolastico dell’Emilia Romagna

PROT Prevenzione Vaccinale 2017 18