Home Attualità Vaccini scuola, Azzolina: chiesto e ottenuto di garantire priorità al personale scolastico

Vaccini scuola, Azzolina: chiesto e ottenuto di garantire priorità al personale scolastico

CONDIVIDI
  • Credion

La Ministra al Question Time della Camera parla di vaccini scuola e di campagna di vaccinazione. “Chiesto e ottenuto di garantire priorità al personale scolastico,” afferma la Ministra in risposta al primo quesito delle interrogazioni parlamentari (La campagna di vaccinazione a favore del personale scolastico, interrogazione di Toccafondi – IV).

“Per quanto riguarda i vaccini, è chiaro a tutti che la scuola sia un servizio pubblico essenziale,” dichiara la Ministra. “Sin dall’avvio del confronto sulla elaborazione del piano vaccinale ho chiesto e ottenuto di garantire priorità al personale scolastico. Auspico dunque che si proceda speditamente con la vaccinazione degli operatori sanitari e degli anziani, per arrivare subito alla scuola, partendo dal personale fragile e da chi ha una età più avanzata”.

Icotea

RIVEDI LA DIRETTA

La risposta integrale della Ministra

Onorevole Anzaldi,

la ringrazio in quanto con il Suo quesito mi permette di ribadire quanto già asserito dal Presidente Conte, ovverosia che la scuola è àncora di sicurezza per i nostri studenti e le nostre studentesse e aggiungo io, per molti di loro, è un’àncora di salvezza.

Per questo ritengo che la didattica digitale, strumento utile per la gestione dell’emergenza e risorsa per la scuola del futuro, non possa comunque sostituire la didattica in presenza. I ragazzi hanno bisogno di recuperare quella dimensione di socialità indispensabile per la loro crescita. Desta preoccupazione anche l’aumento del fenomeno dell’abbandono scolastico.

Comprendo quindi le recenti manifestazioni studentesche: il diritto all’istruzione è essenziale. Io ho il dovere di dire agli studenti e a tutta la comunità scolastica che il governo ha fatto tutto quello che doveva e poteva fare – e continuerà a farlo – per il rientro a scuola.

Lo ha fatto con senso della misura e di grande responsabilità e ha mantenuto fede agli impegni assunti anche grazie allo sforzo dei Prefetti e della comunità scolastica come in ultimo prescritto dal dPCM del 3 dicembre scorso che ha previsto, presso ogni prefettura, l’istituzione di un tavolo di coordinamento per la definizione del più idoneo raccordo tra gli orari di inizio e termine delle attività didattiche e gli orari dei servizi di trasporto pubblico locale.

Ricordo, inoltre, che il 23 dicembre scorso è stata firmata l’Intesa con le Regioni sulla base della quale si prevedeva il rientro a scuola già dal 7 gennaio. Si tratta di un accordo che contempla novità importanti tra cui una misura che chiedevo da tempo: il rafforzamento del sistema di tracciamento per le scuole.

A ciò si aggiunga che, nel rispetto dei principi di leale collaborazione e di proporzionalità e adeguatezza, con il dPCM del 4 gennaio scorso il Governo ha fornito chiare indicazioni sullo svolgimento dell’attività didattica, avendo a cuore la didattica in presenza: abbiamo infatti autorizzato il rientro in presenza al 50% per le scuole secondarie di secondo grado a partire dall’11 gennaio scorso, limitando dal 7 al 9 gennaio le lezioni a distanza.

Spiace che gran parte delle Regioni abbiano posticipato il rientro in classe. Tutto ciò con il rischio di causare disorientamento, precarietà, insicurezza e povertà educativa. Rinnovo, anche in questa sede, la mia disponibilità al dialogo, al confronto, con tutti gli attori istituzionali coinvolti, per il bene delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi.

La scuola, lo ribadisco, è pronta e in grado di garantire ambienti controllati e con ridotte percentuali di rischio, come rilevato dai dati e dagli studi sui contagi forniti dalle autorità scientifiche.

Per quanto riguarda i vaccini, è chiaro a tutti che la scuola sia un servizio pubblico essenziale. Sin dall’avvio del confronto sulla elaborazione del piano vaccinale ho chiesto e ottenuto di dare priorità al personale scolastico. Auspico dunque che si proceda speditamente con la vaccinazione degli operatori sanitari e degli anziani, per arrivare subito alla scuola, partendo dal personale fragile e da chi ha una età più avanzata.