Home Attualità “Picchia alunno e fa politica in classe”: maestra sospesa a Catania

“Picchia alunno e fa politica in classe”: maestra sospesa a Catania

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Maestra sospesa per due giorni dal servizio per avere letto alcuni brani del diario di Anna Frank ai propri alunni. Sarebbe questa la colpa di una docente di scuola elementare in provincia di Catania.

Lo denuncia, tramite la sua pagina Facebook, l’esponente del Partito Democratico, Mila Spicola.

Una nuova vicenda, dopo quella dell’insegnante di Palermo sospesa a seguito il video realizzato dai suoi studenti in cui si accostava Matteo Salvini a Benito Mussolini.

ICOTEA_19_dentro articolo

Da informazioni assunte dalla nostra redazione, il genitore che ha accusato la docente ha affermato che oltre ad aver dato uno “scappellotto” al figlio, l’insegnante “farebbe plagio nei confronti dei bambini affrontando tematiche politiche”.

La docente si è difesa affermando di aver letto in classe solo il diario di Anna Frank.

La sospensione, comunque, sembra essere stata irrogata solo per il maltrattamento all’alunno.

Così come segnala l’Ansa, sull’eventuale lettura in classe del Diario di Anna Frank, mai citato nel provvedimento, la dirigente pur sottolineando il “maggiore rischio di emulazione” da parte di “menti ancora non totalmente cresciute” nel renderli partecipi di avvenimenti funesti e luttuosi e sulle terribili modalità” rimette al “giudizio della maestra” se i suoi alunni “abbiano già la coscienza e la consapevolezza necessaria” o se non sia “più opportuno affrontare certi argomenti con alunni un poco più cresciutelli”.

La denuncia di Mila Spicola

“Mi ha contattata una collega di Catania per raccontarmi cosa le è successo. E’ stata sospesa per due giorni dalla sua dirigente scolastica perché ha letto in classe un brano del Diario di Anna Frank. Ho raccolto il suo sfogo con le lacrime agli occhi, rimanendo senza parole. Nel provvedimento si legge, scritto nero su bianco, che l’accusa nei confronti della docente è di ‘plagio dei bambini perché si sono affrontate tematiche politiche’, afferma Spicola.  “Il Diario di Anna Frank è una delle opere della coscienza civile dell’Umanità, un patrimonio comune di libertà e denuncia dei mali della guerra e delle discriminazioni. Fa parte di tutte le antologie scolastiche” continua l’esponente dem, che invita ad attivarsi.

“Ora, io non so cosa manifestare, se rabbia, paura, sconcerto, non lo so. Ditemelo voi. Intanto la mia vicinanza totale alla collega”, aggiunge.

“Dobbiamo alzare altissima la voce contro quello che sta serpeggiando nella scuola: timore e sconcerto. La Scuola è luogo di libertà, di civismo, di educazione alla tolleranza e ai saperi che educano al libero pensiero”, conclude.

ALTRI APPROFONDIMENTI

Sospesa per le opinioni degli alunni: un’intimidazione verso i docenti?
Teacher Pride a sostegno della docente sospesa, domani 21 maggio i prof leggeranno la Costituzione
Docente sospesa: è scontro fra Bussetti (Lega) e Giuliano (M5S)
Docente sanzionata, Bussetti vuole incontrarla con Salvini: la scuola costruisce coscienze critiche, ma non posso ritirare la sospensione
Salvini come il Duce, ecco il video degli studenti che ha messo nei guai la docente [VIDEO]
Salvini accostato al Duce, la docente sospesa: “Amareggiata, la mia vita è la scuola” [VIDEO]

Preparazione concorso ordinario inglese