Home Attualità A scuola di Intelligenza Artificiale, nasce in Italia l’AI Academy

A scuola di Intelligenza Artificiale, nasce in Italia l’AI Academy

CONDIVIDI
webaccademia 2020

A scuola di Intelligenza Artificiale per stare al passo con quella che rappresenta una delle più importanti innovazioni tecnologiche degli ultimi anni.

La nostra società e le nostre abitudini sono sempre più accompagnate da strumenti di supporto alle nostre attività lavorative e personali. Sistemi di IA sono presenti in tutti gli smartphone di ultima generazione, ci aiutano a trovare un luogo, nell’impostare ed organizzare gli impegni della giornata, nell’impostare alert e memo. Sono presenti nelle nostre abitazioni (Alexa, assistente Google) e rispondono ai nostri comandi vocali mettendoci la musica che preferiamo, accendendo le luci della stanza o regolando la temperatura dell’ambiente.

Ma anche nei servizi di assistenza alla clientela ormai troviamo le Chatbox con l’assistente virtuale che ci chiede cosa vogliamo e ci fornisce risposte prima di parlare con un operatore fisico.

ICOTEA_19_dentro articolo

Insomma, di Intelligenza Artificiale ne siamo ormai pieni sia nella nostra vita “consumer” che nelle attività professionali.

E sempre più importante accrescere il know how sulle nuove tecnologie digitali per assecondare il mercato del lavoro che vuol dire meno disoccupazione per il nostro Paese e anche perché per far crescere la cultura digitale serve il “contagio” quello positivo da parte degli esperti e un ecosistema della formazione trasversale tra le diverse materie coinvolte.

Cosa é AI Academy

In questa direzione va l’”Artificial Intellingence Academy”, nata dalla collaborazione tra TIM, La Sapienza l’Università di Roma e Google.

I 3 partner d’eccellenza hanno messo a disposizione i propri know how, capitale umano e risorse tecnologiche per proporre sul mercato una offerta formativa co-progettata e di altissima qualità. Un’esperienza unica ed innovativa nell’ambito dell’ecosistema formativo italiano.

Entrando nel dettaglio dei corsi, a dicembre si terrà la presentazione dei percorsi formativi e a gennaio partirà il corso di alta formazione “Artificial Intelligence for Crisis & Emergency Management in Medicine”, un corso per trasferire alle figure professionali che operano nel contesto sociosanitario le competenze utili per gestire situazioni emergenziali e di crisi con l’utilizzo delle moderne tecnologie. Nel primo trimestre del 2021 seguirà il corso di alta formazione “Etica, Diritti e Policies dell’Intelligenza Artificiale”, che analizzerà il potenziale dell’AI e del machine learning, in termini di impatto sulla società, per garantire che il loro sviluppo e applicazione alla quotidianità si ispirino alle garanzie dell’etica pubblica.

Invece, in primavera partirà il corso specialistico “AI Strategie & Business Applications”, un corso per fornire le conoscenze teorico/pratiche per lo sviluppo di business supportati da tecniche di Intelligenza Artificiale e per comprendere e analizzare la complessità e l’affidabilità degli algoritmi a supporto dei modelli di business.

Gli obiettivi del progetto vanno nella direzione di formare ed aumentare di conseguenza gli specialisti nel settore in una logica di relazione tra l’ecosistema formato da Università, aziende che operano nel settore nazione ed internazionale, scuola, ma anche quella di individuare e sviluppare nuovi talenti e futuri professionisti. Va inoltre ricordato che L’iniziativa è in linea con il progetto “Operazione Risorgimento Digitale” avviato da Tim (come TDS avevamo già approfondito il progetto Vedi articolo )e con “Italia in Digitale” di Google, ovvero il nuovo piano avviato in Italia per accelerare la ripresa economica attraverso progetti di formazione, strumenti e collaborazioni per supportare le aziende e le persone in cerca di lavoro in questo momento delicato,

Perché è importante il know how su AI

Grazie a questa collaborazione, i percorsi formativi sono volti al perfezionamento scientifico multidisciplinare, partendo dalle ricadute dell’Intelligenza Artificiale sulla progettazione e gestione delle emergenze socio-sanitarie, fino alla riflessione sull’etica e sui profili giuridici e regolamentari posti dall’innovazione tecnologica e alle competenze tecniche e strategiche applicate ai modelli di business.

Le applicazioni che utilizzano l’intelligenza artificiale sono già tante e le potenzialità future altrettanto enormi: non c’è campo dove questa tecnologia non possa aiutare l’uomo (anche in campo formativo e didattico).

Con questo progetto, Sapienza, TIM e Google confermano l’impegno per la formazione d’eccellenza nel nostro Paese in uno dei momenti storici di maggiore trasformazione e innovazione in cui è richiesta una maggiore capacità di aggiornamento per cogliere appieno tutte le opportunità che arriveranno nella ripartenza post-Covid.

La AI Academy tra l’altro è solo la prima, nei prossimi mesi ne saranno avviate altre su diversi temi tutti innovativi come la Robotica, Digital HR, Cyborg Security, 5G, Management, Quantum Computing, Health, Data.

Preparazione concorso ordinario inglese