Home Politica scolastica A Sezze (LT): convegno per il NO, la scuola prima autorizza e...

A Sezze (LT): convegno per il NO, la scuola prima autorizza e poi revoca

CONDIVIDI
  • GUERINI

Curiosa vicenda quella che sta coinvolgendo l’Associazione professionale Unicorno l’Altrascuola e l’Istituto “‘Pacifici – De Magistris” di Sezze Romano.

Dieci giorni fa, con nota ufficiale,  la scuola concedeva alla associazione l’uso dell’aula magna per un convegno dal titolo “Scuola e Costituzione: riforme o controriforme?” organizzato dalla associazione stessa con Unicobas Scuola.
Nella richiesta avanzata dal Altrascuola venivano indicati sia il titolo del convegno sia il programma dettagliato (interventi di Marina Boscaino sul tema “Per una Scuola fondata sugli artt. 3, 9, 33 e 34 della Costituzione” e di Franco Russo su  “Un NO per lo sviluppo della democrazia costituzionale”)
Di Franco Russo si precisava anche la qualifica: membro del  Comitato Nazionale per il NO al Referendum Costituzionale.
A chiudere i lavori Stefano d’Errico con una relazione dal titolo inequivicabile:
“La de-costituzionalizzazione della scuola segue la distruzione dei diritti giuslavoristici e sindacali ed anticipa la modifica della Carta relativamente alla rappresentanza politica ed elettorale, in un percorso che viene da lontano”
In questi 10 giorni la notizia dell’incontro è stata divulgata in tutte le scuole della provincia di Latina, ma oggi 25 novembre la scuola ha comunicato alla associazione che l’autorizzazione concessa deve intendersi revocata. Stringata ma chiara la motivazione:  “Poiché dalla locandina ufficiale appare evidente l’adesione di codesta spettabile Associazione al ‘NO’ referendario, e poiché nelle istituzioni scolastiche è vietata ogni forma di propaganda politica, la scrivente revoca l’autorizzazione all’uso da parte di codesta pregiata Associazione dell’aula magna prevista per il 30.11.2016”.
La revoca, seppure legittima, appare poco coerente dal momento che il programma dell’incontro era già stato allegato alla richiesta e quindi era ben nota alla scuola già 15 giorni addietro.
“Sembra quasi di essere tornati nel ventennio – tuona Stefano d’Errico, segretario nazionale Unicobas – quando negli uffici pubblici veniva esposto il cartello ‘Qui non si fa politica'”
Associazione e Unicobas, però, non si sono persi d’animo e hanno già messo in atto il piano B: l’incontro si farà, sempre a Sezze, nel Parco antistante la scuola. 
E non è da escludere che la vicenda finisca nelle aule parlamentari o sul tavolo del Ministro.

Icotea