Home Università e Afam Afam: cessazioni e trattenimenti in servizio a.a. 2015-2016

Afam: cessazioni e trattenimenti in servizio a.a. 2015-2016

CONDIVIDI

Con la Nota del 17 febbraio 2015, n. 1930 il Miur ha fornito indicazioni operative riguardo modalità e tempistica delle cessazioni dal servizio del personale docente, amministrativo e tecnico delle Accademie di Belle Arti, delle Accademie Nazionali di Danza e di Arte Drammatica, dei Conservatori di musica e degli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche, per l’anno accademico 2015/2016.

Rimandando alla lettura della nota per quanto riguarda i requisiti per l’accesso al trattamento pensionistico, riepiloghiamo di seguito la tempistica prevista:

Icotea
  • entro il 19 marzo 2015 devono essere presentate all’istituzione di titolarità le domande di cessazione dal servizio a qualsiasi titolo, quelle di trattenimento in servizio oltre il limite di età (nei ristretti limiti in cui siano ancora ammissibili) e quelle di trasformazione del rapporto di lavoro in tempo parziale per il personale tecnico e amministrativo con contestuale riconoscimento del trattamento di pensione;
  • entro il 26 marzo 2015 possono essere presentate le eventuali rinunce delle domande di cessazione già presentate;

Le domande di accesso al trattamento pensionistico dovranno essere presentate all’INPS gestione ex INPDAP avvalendosi esclusivamente della modalità telematica di invio:

  1. presentazione della domanda on-line accedendo al sito dell’istituto previdenziale (www.inpdap.gov.it, oppure www.inps.it ) , previa registrazione;
  2. presentazione della domanda tramite il Contact Center Integrato (numero verde 803164);
  3. presentazione telematica della domanda tramite l’assistenza gratuita dei patronati.
  • entro l’11 aprile2015 le istituzioni dovranno accertare la sussistenza del diritto al trattamento pensionistico del proprio personale e comunicare l’eventuale mancata maturazione di tale diritto ai dimissionari interessati;
  • l’accettazione delle domande di cessazione dal servizio si intende avvenuta alla data del 18 aprile 2015 senza emissione di un atto formale;
  • dal 13 al 23 aprile 2015, attraverso il collegamento al sito riservato, sarà effettuato l’inserimento al sistema informatico dei nominativi di coloro che cesseranno dal servizio a qualsiasi titolo o che continueranno a prestare servizio oltre il limite di età a decorrere dall’1.11.2015.

Abrogazione del Trattenimento in servizio

La nota ricorda che nel 2015 potranno inoltrare istanza di trattenimento in servizio, entro il 14 marzo 2015 i soli soggetti che, compiendo 66 anni e 3 mesi di età entro il 31 ottobre 2015, non sono però in possesso di 20 anni di anzianità contributiva entro tale data, per tale personale, in caso di accoglimento dell’istanza, il trattenimento in servizio sarà disposto al massimo fino al 70° anno, ai sensi dello stesso art. 509 c. 3 del D.Lgs. 16.4.1994, n. 297.
Non sono ammesse istanze di trattenimento in servizio in casi diversi da quelli sopra indicati.

Risoluzione unilaterale del rapporto di lavoro

Nell’ipotesi in cui le Istituzioni intendano avvalersi della possibilità di risolvere unilateralmente, con decisione motivata, il rapporto di lavoro di coloro che abbiano conseguito:

  • entro il 31 ottobre 2015 gli anni di anzianità contributiva necessari per la maturazione del diritto alla pensione anticipata: 41 anni e 6 mesi per le donne o 42 anni e 6 mesi per gli uomini, per i dipendenti cui si applica la normativa di cui al DL 201/2011 conv. nella L.214/2011;
  • l’anzianità contributiva massima di 40 anni entro il 31 dicembre 2011, per i dipendenti cui si applica la “vecchia normativa”

il Direttore amministrativo, entro il  19 marzo 2015, dovrà comunicare al Consiglio Accademico e al Consiglio di Amministrazione l’elenco di tale personale. Il Consiglio di Amministrazione, acquisito il parere del Consiglio Accademico per il personale docente e del Direttore amministrativo per il personale amministrativo e tecnico, potrà deliberare la risoluzione del rapporto di lavoro degli interessati entro il 7 aprile 2015. Il provvedimento di risoluzione del rapporto di lavoro non potrà avere decorrenza precedente all’1.11.2015, data di inizio dell’a.a. 2015/2016, e dovrà essere notificato agli interessati entro e non oltre il 30 aprile 2015, in considerazione del prescritto preavviso semestrale.