Home Attualità Aggiornamento di GPS e GAE, cancellazione dei vincoli alla mobilità: emendamenti in...

Aggiornamento di GPS e GAE, cancellazione dei vincoli alla mobilità: emendamenti in arrivo

CONDIVIDI

I problemi del rinnovo delle GPS e dei vincoli alla mobilità potrebbero trovare una soluzione nelle prossime settimane grazie ad alcuni emendamenti che il senatore Mario Pittoni, responsabile del Dipartimento Istruzione della Lega e vicepresidente della commissione Cultura del Senato, ha presentato in questi giorni in relazione alla conversione in legge del cosiddetto “decreto sostegni ter”.

Un emendamento prevede infatti la possibilità di garantire già quest’anno l’aggiornamento di GPS e GAE indipendentemente dalla adozione in tempo utile del nuovo regolamento (va rilevato che se la modifica dovesse essere accolta, d’ora in avanti entrambe le graduatorie dovrebbero essere aggiornate a scadenza biennale).
Un secondo emendamento stabilisce invece che il personale sottoposto ai vincoli previsti dal DL 126 del 2019 potrebbe comunque accedere alle operazioni di mobilità annuale (assegnazioni provvisorie e utilizzazioni).

Icotea

Ma c’è anche un’altra novità in vista: potrebbero infatti essere riattivati i percorsi formativi abilitanti all’insegnamento (Pas).
Il provvedimento – sottolinea Pittoni – appare particolarmente rilevante in quanto “avviare – come sta succedendo – il concorso della scuola secondaria senza riattivare tali percorsi, ha come conseguenza che molti docenti di lungo corso ma precari probabilmente non lavoreranno più”.
“Si rischia cioè – conclude il senatore della Lega – la dispersione di un enorme patrimonio d’esperienza oltre che l’ennesima emergenza sociale”.

Sull’aggiornamento delle GPS non dovrebbe mancare il parere favorevole del Ministero; mentre la cancellazione dei vincoli alla mobilità potrebbe risultare meno agevole del previsto in quanto – allo stato attuale – non sembra esserci accordo e condivisione all’interno della maggioranza di Governo.
Ma, per capire meglio le posizioni definitive sull’argomento, è bene aspettare che l’esame del decreto entri nel vivo: la prossima settimana ne sapremo certamente qualcosa di più.