Home Sicurezza ed edilizia scolastica Alcune indicazioni per la sicurezza nelle scuole

Alcune indicazioni per la sicurezza nelle scuole

CONDIVIDI

Quali sono gli obblighi in tema di sicurezza per il Dirigente scolastico? Quali sono le altre figure di riferimento? Qual è la formazione necessaria?

Queste e altre domande trovano risposta nel recente documento pubblicato sul sito dell’U.s.r. per il Veneto dedicato alla sicurezza nelle scuole.

Icotea

Questi in sintesi gli obblighi del Datore di lavoro/Dirigente scolastico ai sensi del D.Lgs. 81/08, art.18:

  1. nomina delle figure preposte alla sicurezza (Responsabile e Addetti SPP, questi ultimi quando previsti) e degli addetti alle emergenze
  2. individuazione del personale con funzioni di dirigente e preposto ai sensi dell’art. 2 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.
  3. formazione e aggiornamento di R-ASPP, RLS, addetti alle emergenze, nonché degli eventuali dirigenti e preposti
  4. valutazione dei rischi, stesura e aggiornamento costante del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)
  5. individuazione, programmazione e attuazione delle misure di prevenzione e protezione (gestione della sicurezza), in relazione ai contenuti del DVR
  6. informazione, formazione e addestramento dei lavoratori e degli studenti (quando equiparati a lavoratori)
  7. nomina del Medico Competente (quando previsto) e relativa sorveglianza sanitaria del personale soggetto alla stessa
  8. promozione della didattica della sicurezza rivolta agli allievi

Con riferimento alle figure di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e di Addetti al Servizio scolastico di Prevenzione e Protezione l’U.s.r. ricorda che gli artt. 31 e 32 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. prevedono l’obbligatorietà di nominare il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione in ogni Istituzione scolastica. In particolare, l’art. 32 individua i requisiti che deve possedere il Responsabile SPP (titoli di studio formativi richiesti) con una precisazione: l’incarico va affidato prioritariamente a personale interno all’Istituto, ovvero, in subordine, interno ad un’altra Istituzione scolastica, dove operi con la medesima funzione. Solo in via sussidiaria, il Dirigente scolastico potrà ricorrere a personale esterno alla scuola, ovviamente formato, pur rimanendo egli stesso sempre il soggetto penalmente e civilmente responsabile del proprio Istituto. L’alternativa di autonominarsi Responsabile SPP, seppur permessa ai Dirigenti scolastici (che dovranno comunque seguire corsi di formazione e aggiornamento), appare decisamente meno praticabile e più onerosa, specie per le scuole complesse.

Oltre al Responsabile SPP, è opportuno individuare anche gli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione, soprattutto nelle realtà suddivise in più sedi, al fine di velocizzare lo scambio di informazioni e di agevolare gli interventi su problematiche particolari. La nomina di almeno un Addetto SPP è comunque obbligatoria nel caso in cui vi sia un Responsabile SPP esterno.

Anche per queste figure è prevista una specifica formazione, nonché aggiornamenti obbligatori.