Home Attualità AlmaDiploma, dopo il diploma quasi il 70% va all’Università. Soprattutto i liceali

AlmaDiploma, dopo il diploma quasi il 70% va all’Università. Soprattutto i liceali

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il Rapporto 2019 sulla Condizione occupazionale e formativa dei diplomati di scuola secondaria di secondo grado, realizzato da AlmaDiploma e dal Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea, fotografa le scelte compiute dai diplomati alla conclusione della scuola secondaria di secondo grado in termini di performance universitarie e lavorative nell’immediato (a un anno) e in un più lungo periodo (a tre anni).

Il Rapporto, che ha riguardato quasi 85 mila diplomati del 2017 e del 2015, nello specifico, ha coinvolto oltre 47 mila diplomati del 2017, contattati a un anno dal diploma, e 37 mila diplomati del 2015, contattati a tre anni.

I liceali continuano gli studi

Il 66,8% di chi ha conseguito il diploma nel 2017 si è iscritto all’Università. Di questi, il 51,1% ha optato esclusivamente per lo studio, il 15,7% frequenta l’università lavorando.

ICOTEA_19_dentro articolo

A proseguire gli studi dopo il diploma ci sono principalmente i laureati con il 67,1% rispetto ai diplomati del tecnico 37,3% e del professionale 14,3%.

In aumento, dopo tre anni dal diploma, la quota di liceali che studiano – esclusivamente – all’università: 59,6%, rispetto al 33,4% dei tecnici e al 15,0% dei professionali.

Chi ha scelto l’Università era già convinto prima del diploma

Il rapporto evidenzia come alla vigilia dell’Esame di Stato, infatti, tra i diplomati del 2017 l’87,1% di coloro che avevano dichiarato di volersi iscrivere all’università ha successivamente confermato le proprie intenzioni. Soltanto l’8,4% ha cambiato idea.

La quota di chi ha rivisto le proprie scelte, come ci si poteva attendere, è decisamente consistente tra i diplomati professionali (34,0%) e i tecnici (14,0%): ovvero profili che, rispetto ai liceali dove la quota dei ripensamenti è praticamente irrilevante (4,7%), subito dopo il conseguimento del titolo possono contare su maggiori chance lavorative.

Per quanto riguarda i diplomati del 2017 iscritti all’università, la scelta si è orientata soprattutto verso un corso di laurea nell’area economico-sociale (21,8%; è il 34,3% tra i tecnici), umanistica (19,5%; è il 33,1% tra i diplomati professionali), ingegneria o architettura (18,5%, valore che sale al 22,5% tra i tecnici) e scientifica (16,4%; 16,5% sia tra i liceali che tra i tecnici).

A guidare le scelte anche il contesto familiare

La probabilità di proseguire gli studi dipende anche dal contesto socio-economico e culturale familiare. Infatti, fra i diplomati del 2017 appartenenti a contesti economicamente più favoriti è nettamente più frequente l’iscrizione all’università (81,6% rispetto al 52,0% dei giovani provenienti da famiglie meno favorite).

Anche il titolo di studio dei genitori influenza le scelte formative dei giovani: l’84,6% dei diplomati provenienti da famiglie in cui almeno un genitore è laureato ha deciso di iscriversi all’università.

La scelta delle famiglie di supportare la prosecuzione degli studi è influenzata dalle difficoltà economiche e occupazionali vissute e, in molti casi, chi può fa proseguire gli studi rinviando l’ingresso nel mercato del lavoro.

INDAGINE ALMADIPLOMA

LEGGI ANCHE

AlmaDiploma, chi fa alternanza scuola-lavoro ha più chance di trovare impiego
AlmaDiploma, chi ottiene un voto basso punta subito al lavoro
AlmaDiploma, dopo un anno lavora oltre il 35% dei neodiplomati

Preparazione concorso ordinario inglese