Home Attualità Anche per il World Economic Forum la riapertura precoce delle scuole è...

Anche per il World Economic Forum la riapertura precoce delle scuole è rischiosa

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Una ricerca del World Economic Forum  vuole aprire una finestra sul dibattito sulla riapertura delle scuole, concentrandosi sui paesi a basso reddito, che devono affrontare una serie di circostanze molto diverse da quelle dei paesi ad alto reddito sulle scuole dopo l’isolamento.
Secondo l’UNESCO, oltre 100 paesi stanno attualmente attuando la chiusura delle scuole a livello nazionale a causa del COVID-19, con oltre il 60% degli studenti iscritti nel mondo. Il tema della riapertura delle scuole primarie e secondarie è stato fortemente politicizzato in molti Paesi con genitori, insegnanti e politici talvolta in disaccordo sul momento della riapertura. Le decisioni politiche sono ancora più impegnative data la mancanza di prove, soprattutto dai Paesi in via di sviluppo, su come i bambini siano suscettibili di contrarre COVID-19 e di trasmettere il virus agli adulti e sulla sicurezza per il rientro degli studenti.

La ripresa delle scuole nei Paesi a basso reddito

Quello che è noto è che i paesi a basso reddito si trovano ad affrontare una serie di circostanze molto diverse da quelle dei paesi ad alto reddito: una percentuale più alta di famiglie che includono sia bambini che anziani, la difficoltà di testare il COVID-19 e di imporre l’allontanamento sociale nei contesti scolastici esistenti, e l’urgenza di mantenere i mezzi di sussistenza degli adulti in età lavorativa per prevenire la fame e la povertà. La ricerca del WEF ritiene che la riapertura delle scuole troppo presto nei Paesi in via di sviluppo potrebbe compromettere quanto ottenuto finora nel contenimento della diffusione del virus. Il modello economico utilizzato riflette il modo in cui le economie in via di sviluppo si differenziano dalle economie avanzate: popolazioni più giovani, più contatti tra le persone a casa, al lavoro e a scuola, grandi settori informali che rendono più difficile l’applicazione delle misure di chiusura, meno capacità fiscale e meno capacità sanitaria.

Lo studio del WEF

Lo studio del WEF mette a confronto alcuni scenari per esaminare l’effetto della riapertura delle scuole sui tassi di infezione da COVID-19 e sui decessi in Nigeria, il Paese più popoloso dell’Africa, una simulazione che fornisce uno strumento per confrontare l’impatto di diverse misure politiche in un grande Paese in via di sviluppo e le previsioni generali sono applicabili a molti altri Paesi a basso reddito.
In tutti gli scenari simulati il modello suggerisce che nel caso della chiusura delle scuole e della protezione degli anziani nei prossimi mesi derivano dal ritardo delle riaperture di quest’autunno, con un piano di riapertura all’inizio dell’anno successivo. Il motivo principale per ritardare la riapertura della scuola nei prossimi mesi, autunno 2020, è quello di contribuire a fermare la diffusione di COVID-19, lo studio prevede infatti che ritardare l’apertura della scuola può essere una potente forza per salvare vite umane, riducendo il rischio che i bambini si infettino a scuola e, a sua volta, diffondendo il virus all’interno delle loro famiglie.

ICOTEA_19_dentro articolo

Naturalmente, qualsiasi decisione di policy sul ritardare l’apertura della scuola deve valutare le potenziali vite salvate rispetto all’impatto negativo di tenere i bambini fuori dalla scuola per un lungo periodo. Ad esempio, le prove dell’epidemia di Ebola in Sierra Leone mostrano un aumento delle gravidanze fuori dal matrimonio e un calo delle iscrizioni scolastiche dopo la crisi tra le giovani donne dei villaggi. D’altra parte, alcune famiglie non potevano permettersi di rimandare i propri figli a scuola dopo aver perso i mezzi di sussistenza, il che indica un importante legame tra la protezione dei mezzi di sussistenza e l’accesso all’istruzione. Altre importanti questioni che destano preoccupazione nei Paesi in via di sviluppo intorno al fatto di tenere le scuole chiuse per lunghi periodi includono la perdita di apprendimento, la mancata consumazione dei pasti a mezzogiorno, la disponibilità di servizi di assistenza all’infanzia per i genitori che lavorano e le limitate risorse per l’apprendimento online.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese