Home Attualità Asilo nido lager a Roma. Ma ecco gli altri precedenti

Asilo nido lager a Roma. Ma ecco gli altri precedenti

CONDIVIDI

Schiaffi, insulti razzisti, e bimbi lanciati sui materassini per cambiarli. Un altro caso di maltrattamenti nei confronti di bambini scoperto dagli agenti della Polaria di Fiumicino in un asilo nido abusivo al Pigneto a Roma: la titolare e il fratello, che lavorava con lei, sono stati arrestati e sono finiti in carcere.

Le indagini della Polaria sono partite dalla denuncia dei genitori di una bambina di due anni.

Icotea

Nel corso delle indagini, le telecamere nell’asilo hanno filmato i maltrattamenti.

Dai successivi accertamenti è inoltre emerso che la struttura non aveva le necessarie autorizzazioni.

I maltrattamenti avvenivano su bambini di età tra i cinque mesi e i tre anni. Ai bambini ed ai loro genitori è stato assicurato un servizio di consulenza medico specialistico per l’assistenza post-traumatica.

E dopo questo ennesimo caso, Adnkronos ha stilato una sorta di elenco dei casi più recenti ed eclatanti che noi sottoponiamo alla riflessione dei nostri lettori senza nessun altro commento

– 9 GIUGNO 2017: un’insegnante di scuola dell’infanzia, di 61 anni, viene arrestata da agenti del commissariato di Manfredonia, in provincia di Foggia, per maltrattamenti ai danni degli alunni. Secondo l’accusa la donna, finita ai domiciliari, strattonava i bambini irrequieti o che sbagliavano in qualche compito oppure li schiaffeggiava.

– 26 MAGGIO 2017: una insegnante di una scuola pubblica dell’infanzia di Bari viene interdetta dall’esercizio della professione per maltrattamenti nei confronti dei bambini a lei affidati.

– 15 APRILE 2017: arresti domiciliari a carico di quattro insegnanti di una scuola primaria nel foggiano, ritenute responsabili, a vario titolo, del reato di maltrattamento di minori all’interno di un istituto di formazione.

– 8 MARZO 2017: due maestre in una scuola del reggino vengono indagate e sospese per maltrattamenti.

– 23 NOVEMBRE 2016: arresti domiciliari con l’accusa di maltrattamenti per due insegnanti di una scuola materna del capoluogo reggino.

– 10 NOVEMBRE 2016: violenze verbali, urla e maltrattamenti sugli alunni: tre maestre di una scuola per l’infanzia a Quartu Sant’Elena (Cagliari) vengono sospese dalle loro funzioni.

– 25 OTTOBRE 2016: la polizia di Fabriano esegue la misura cautelare della sospensione dall’esercizio della professione nei confronti di una maestra di una scuola materna per maltrattamenti verso i piccoli.

 

{loadposition carta-docente}

 

– 4 OTTOBRE 2016: due maestre vengono sospese per maltrattamenti su alunni di una scuola di Borgorose, in provincia di Rieti. Dalle indagini,  emerge un quadro di schiaffi, spintoni, offese, umiliazioni (“fai pena”, “non capisci niente”), minacce (“ti appiccico al muro”) e derisioni in pubblico come nel caso di un bimbo con i piedi piatti.

– 28 SETTEMBRE 2016: i finanzieri della compagnia di Partinico (Palermo) arrestano tre maestre di una scuola elementare per maltrattamenti.

– 21 SETTEMBRE 2016: tre maestre di un asilo di Potenza sono sospese dal servizio su provvedimento del tribunale del capoluogo con l’accusa di maltrattamenti ai danni di bambini.

– 1 AGOSTO 2016: il titolare e la coordinatrice di un asilo nido nel quartiere Bicocca a Milano, rispettivamente di 35 e 34 anni, sono arrestati in flagranza di reato per aver maltrattato alcuni bambini con insulti, schiaffi e spintoni. Secondo le accuse alcuni bambini sarebbero stati anche legati con cinghie alle sedie e rinchiusi in stanzini al buio. In un caso, un bimbo di 2 anni, è stato accertato in ospedale un morso umano.

– 10 GIUGNO 2016: arresti domiciliari con l’accusa di maltrattamenti verso minori per un’insegnante di una scuola materna statale della provincia di Pistoia. La maestra viene accusata di minacce, insulti di vario genere e vessazioni fisiche su alcuni bambini di 5 e 6 anni.

– 30 MAGGIO 2016: arresti domiciliari a carico di una 58enne, insegnante presso una scuola materna di Avellino.

– 12 MAGGIO 2016: arresti domiciliari per due maestre, 53 e 49 anni, di una scuola materna di Bari-Santo Spirito per presunti maltrattamenti ai danni di bambini, di età compresa tra i due anni e mezzo e i tre anni e mezzo.

– 9 MAGGIO 2016: un’insegnante di una classe prima elementare a Recale, nel casertano, finisce ai domiciliari per insulti, minacce e violenze fisiche agli alunni.

– 6 MAGGIO 2016: un’insegnante, di 59 anni, di una scuola elementare di Taranto viene arrestata con l’accusa di maltrattamenti aggravati e continuati nei confronti di bambini di sei anni.

– 22 APRILE 2016: arresti domiciliari per una maestra 61enne di una scuola materna di Rimini. I bambini venivano sgridati e minacciati, spinti e strattonati più volte solo perché non erano in grado di tirarsi su da soli i pantaloni oppure perché non riuscivano a raggiungere in tempo un luogo nell’aula dove l’insegnante aveva deciso di radunarli.

– 20 APRILE 2016: una maestra viene arrestata dai carabinieri per maltrattamenti aggravati, mentre altre due sono sospese dal loro incarico. A quanto emerso da intercettazioni videoambientali le tre donne avrebbero maltrattato i bambini di un asilo nido comunale di Boccea, a Roma, strattonandoli e forzandoli a mangiare.

– 11 APRILE 2016: tre maestre finiscono agli arresti domiciliari per maltrattamenti in un asilo nido di Grosseto. Incastrate dalle dichiarazioni di due ex educatrici, a inchiodare le maestre finite in manette anche intercettazioni audio/video effettuate all’interno dell’asilo privato.

– 8 APRILE 2016: Una maestra di una scuola dell’infanzia di un Comune confinante con Orvieto viene sospesa dal lavoro per aver maltrattato e vessato, abusando dei mezzi di correzione e disciplina, i piccoli alunni della sua classe.

– 4 FEBBRAIO 2016: Schiaffi al volto e alla testa, sculacciate, insulti e minacce. Sono le immagini crude e violente raccontate dalle intercettazioni videoambientali a incastrare una maestra d’asilo, arrestata dai carabinieri su ordine del gip di Pisa.

– 1 FEBBRAIO 2016: Botte, insulti e bestemmie a bimbi tra i 3 e i 5 anni. A Pavullo, nel Frignano, i carabinieri eseguono un’ordinanza cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Modena, nei confronti di M.G., 52enne maestra -coordinatrice di una scuola per l’infanzia, ritenuta responsabile di maltrattamento aggravato. ”Sei brutta”, ”stordita”, ”sei pesante”, alcuni degli insulti che sarebbero stati rivolti ai piccoli.

– 26 SETTEMBRE 2015: insulti, schiaffi e calci su bimbi fino a tre anni. Una maestra di 55 anni viene arrestata per maltrattamenti sui bambini in un asilo di Collecchio, nella provincia di Parma.

– 17 SETTEMBRE 2015: Una maestra di una scuola dell’infanzia di Gragnano (Napoli) viene raggiunta da una misura cautelare applicativa dell’obbligo di dimora per maltrattamenti aggravati su bambini tra i 2 e i 6 anni.

– 3 LUGLIO 2015: percosse, minacce, insulti, spintoni e strattonamenti in un asilo di Terracina su bimbi tra i 3 e i 6 anni, dove gli agenti del commissariato di Terracina (Latina), danno esecuzione a due misure interdittive ad esercitare la professione nei confronti di due maestre.

– 23 MAGGIO 2015: alcune maestre di una sezione di un asilo nido comunale di Settimo Torinese vengono denunciate dai carabinieri per maltrattamenti sui bambini. Le indagini, coordinate dalla procura di Ivrea, durano sei mesi e portano alla luce diversi episodi.

– 23 MARZO 2015: Due maestre in servizio presso una scuola dell’infanzia della provincia di Potenza vengono arrestate dai carabinieri per maltrattamenti ai danni di bambini, affidate alle loro cure.

– 15 MAGGIO 2013: Un’insegnante e la coordinatrice di una scuola per l’infanzia di Roma vengono arrestate dalla polizia con l’accusa di maltrattamenti e percosse a minori. Dalle indagini sono emersi comportamenti violenti, vessatori, offensivi e mortificanti della dignità dei bambini.

– 14 MARZO 2012: Due maestre di una scuola materna di Martina Franca, nel tarantino, sono state sospese dal servizio per presunti maltrattamenti sui bambini. Le indagini, condotte dalla polizia, scattano dopo la denuncia della madre di uno dei piccoli che frequentavano l’asilo: secondo quanto riferito dalla donna il bambino da qualche tempo non andava più volentieri a scuola perché diceva di prendere le botte.

– 22 FEBBRAIO 2012: I carabinieri della compagnia di Vibo Valentia eseguono un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di una maestra elementare della scuola S. Sebastiano di Pizzo. La donna deve rispondere di maltrattamenti verso gli alunni.

– 11 LUGLIO 2011: Quattro insegnanti dell’asilo di Mileto vengono arrestate dai carabinieri della compagnia di Vibo Valentia per maltrattamenti su un bambino disabile di cinque anni.

– 19 MARZO 2011: a finire sotto accusa è un asilo privato a Casarile, al confine tra le province di Pavia e Milano. Due educatrici vengono arrestate con l’accusa di maltrattamenti posti in essere nei confronti di bambini. A dare il via alle indagini questa volta è la denuncia di una ex maestra.

– 2 DICEMBRE 2009: La squadra mobile arresta per maltrattamenti sui bambini due maestre dell’asilo ‘Cip Ciop’ di Quarrata, nel pistoiese. Bambini picchiati, chiusi nel bagno al buio per ore, fuori dalle aule al freddo, costretti a stare immobili e in silenzio e addirittura a mangiare il cibo vomitato.