Home I lettori ci scrivono Ata dimenticati. Anzi tartassati!

Ata dimenticati. Anzi tartassati!

CONDIVIDI
webaccademia 2020
Ata dimenticati…anzi tartassati.
Con l’ultima circolare sulle supplenze, si fa espresso divieto a nominare in ruolo e a dare le nomine come al solito, dal Provveditorato. Perchè? Perche?…perchè i nostri governanti hanno deciso di far fare una ricognizione degli esuberi delle Province (ente provincia) e, successivamente collocarli nella scuola.
Al di là del diritto al lavoro per tutti (…si, per tutti), gli esuberi delle province, speriamo siano pochi, è possibile che debbano essere messi nelle scuole? E’ possibile?…no, per me non va bene, lo Stato veda altri enti, altri Ministeri dove ci sono carenze e li metta lì, non sempre scaricarli nelle scuole…beh…si…la scuola è l’ultima ruota del carro…mettiamoli lì…tanto che devono fare nelle scuole…niente…un pò di carte…dai…
Ebbene cari governanti, se voi non lo sapete, perchè non vi ha mai interessato la scuola, non vi siete mai degnati di capirla, di comprenderne il funzionamento, la scuola, la NOSTRA scuola, e non “La Buona scuola”, di docenti che ci mettono l’anima tutti i giorni, che lavorano con dedizione e per il bene di tutti gli alunni, anche se vengono messi alla berlina da tutti, ma soprattutto da voi, il personale ATA (assistenti amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici) al pari dei docenti, porta avanti la scuola, gli assistenti amministrativi, molestati burocraticamente, lavorano in segreterie , ormai, ridotte all’osso, impegnandosi allo stremo, e non è un eufemismo, e da quest’anno, come dalla legge di stabilità, se ci sono almeno tre assistenti in segreteria non si sostituiscono i colleghi ammalati, ma ci pensate?…no non ci pensate e non ci avete pensato…ma daaaiii, la scuola è una cosa che non serve…tre bastano…TRE BASTANO?…laddove ce ne sono 6/7 e anche di più, e negli anni sono stati, come dicevo prima, ridotti all’osso, tre bastano? bastano?…no cari miei…non bastano. Se li volete tutti fuori di testa, come già lo sono alcuni, per “il troppo” e “urgente” e “subito” e “non c’è tempo” e “bisogna farlo” e “ci sono scadenze”…lavoro…siamo sulla strada giusta…poveri assistenti. Gli assistenti tecnici?…che lavorano, laddove ci sono, nei laboratori delle scuole secondarie di secondo grado, con classi numerose e anch’essi in numero limitato e che saranno assenti per qualsiasi motivo, non saranno sostituiti MAI, anche per tutto l’anno?…va bene?…va bene secondo voi?…ma siiii…a che servono i tecnici…ci sono anche gli insegnanti in laboratorio, seguono loro gli alunni…NO cari miei NO!…come sopra menzionavo…VOI nella scuola non siete mai entrati…non sapete niente del suo funzionamento…e se lo sapete…VE NE FREGATE…basta che avete voi la pancia piena…chi se ne frega degli altri.
Per finire la mia arrabbiatura, si perchè sono arrabbiato…molto arrabbiato…per i miei colleghi lavoratori…i collaboratori scolastici, li conoscete i collaboratori scolastici? li conoscete? sono quelli che qualcuno chiama ancora “bidelli”…no signori , anche questi non sapete chi sono, cosa fanno, si chiamano collaboratori scolastici perchè collaborano alla buona riuscita dell’andamento della scuola, collaborano con i docenti, che altrimenti sarebbero monchi nel loro lavoro, collaborano con la segreteria, collaborano tra di loro, collaborano con gli alunni, collaborano con i genitori, collaborano con i fornitori, tengono pulita la scuola, danno una mano agli alunni diversamente abili, sono la colonna portante della scuola, anch’essi, nel corso degli anni, tagliati a dismisura, in pratica, adesso, si potrebbe dire, senza ombra di smentita, che ognuno di loro fa il lavoro per due, ma con lo stesso misero stipendio, e sempre con la legge di stabilità non potranno essere sostitutiti fino ad una settimana, ci sono a malapena due collaboratori per plesso (soprattutto negli istituti comprensivi), uno di mattina e uno di pomeriggio, come si farà se uno di loro manca una settimana, chi lo sostituirà…chi?…il collega?…mattino e p omeriggio? si stabilirà nella scuola?…lo sostituirà il dirigente?…anche loro…non c’è un dirigente senza una seconda scuola da dirigere…siamo alla follia…siamo alla follia pura “La buona scuola”…si si la peggio scuola.
E adesso i precari, che sono in graduatoria da anni, che hanno svolto il loro lavoro egregiamente in questi anni, che speravano, almeno i primi, di passare di ruolo, si vedono sfumare il sogno, si vedono rubato il sogno, si vedono sull’orlo del baratro, si vedono violentati nel loro essere lavoratori, genitori e cittadini. No cari, non va bene, non va proprio bene, qui urge fare chiarezza. Adesso, pare, che le nomine le debbono fare i Dirigenti scolastici dalle graduatorie di istituto, spero che almeno si faccia in modo di seguire una graduatoria e che chi ha più punti abbia un posto migliore e così via, ma questi sceglieranno il posto di lavoro fino all’avente diritto, cioè fino al momento di andare a casa quando arriverà il povero lavoratore della provincia in esubero, che sarà messo in segreteria…in segreteria?…nelle segreterie già disastrate e piene di lavoro e prima che imparano cosa debbono fare passerà un tempo?…no cari…no…non va così…non va proprio bene.
Qui urge fare qualcosa…urge fare qualcosa…adesso ci penserò e vi farò sapere a breve.
 

Preparazione concorso ordinario inglese