Home I lettori ci scrivono ATA – ITP ex Enti locali: breve storia di ingiustizia

ATA – ITP ex Enti locali: breve storia di ingiustizia

CONDIVIDI

Il personale ATA-I.T.P ex Enti Locale che nell’anno duemila fu costretto a “transitare” allo Stato, ai sensi   della legge 124/1999  sta ancora aspettando  da  16 anni e più i  giusti diritti sanciti da una legge dello Stato (l.124/1999) oltre che  dalla Costituzione Italiana, e ,  nonostante ben  4 sentenze emesse dalle Corti di Giustizia Europee di condanna  dello Stato Italiano.

In breve la storia:

Icotea
  • Al fine di unificare tutto il personale delle scuole pubbliche alle sole dipendenze dello Stato (diviso fino ad allora tra dipendenti dello Stato ed Enti Locali) alle sole dipendenze del Ministero P.I., il governo Prodi –D’Alema con la legge 124/99, legifera e norma il passaggio riconoscendo  a tutti i dipendenti transitati l’anzianità maturata presso gli Enti Locali (art- 8);
  • A luglio 2000, a passaggio effettuato, con un dietrofront  incredibile si pone uno stop al riconoscimento dell’anzianità maturata con un accordo Sindacati (CGIL CISL UIL SNALS) ed ARAN si rettificava e si imponeva invece il passaggio e l’inquadramento alle dipendenze dello Stato del personale, in questione, con la sola voce stipendiale, privata però di tutte le indennità accessorie quali produttività, Livello Differenziale, indennità mensa, etc., procurando danni economici consistentie comunque modificandoil senso e lo spirito dell’art. 8 (L.124/99);
  • Partono migliaia di ricorsi dei lavoratori che li vedono vittoriosi, in quando , la maggioranza dei giudici nei vari gradi di giudizi ritengono nullo l’accordo Sindacati (CGIL-CISL-UIL-SNALS) – ARAN;
  • A settembre 2006 ci prova il governo Berlusconi, che con una interpretazione autentica”…sic!, relatrice l’on Santanchè,  inserita nella Legge Finanziaria 2006, modifica e stravolge il senso dell’art. 8  124/99, causando, da quel momento in poi, di fatto,  il capovolgimento  di migliaia di procedimenti  dei lavoratori ancora in atto, in quel tempo,  nei vari gradi di giudizi.
  • L’operazione Sindacati –Governo finalmente aveva avuto così l’effetto della strategia messa in atto contro 70.000 lavoratori ex EE.LL. (bidelli, amministrativi, Tecnici, Insegnanti tecnico-Pratici) , i quali si vedono fregati proprio dai Sindacati che dovevano difenderli e pretendere al loro fianco il rispetto della legge che li aveva fatti passare allo Stato.
  • La strategia dei sindacati da quel momento in poi è stata quella di continuare a girare le spalle ai lavoratori interessati, che nella disperazione totale, si vedono costretti a restituire allo Stato varie decine di migliaia di euro con riconoscimento delle anzianità lavorative dimezzate e, quindi, effetti disastrosi sulle liquidazioni e sugli assegni pensionistici-

Ma, per fortuna dei lavoratori interessati, come recitava il famoso mugnaio di Potsdam nell’opera  Brechtiana  c’era e c’è ’” ancora un giudice a Berlino” ..che in senso metaforico è interpretato dalla  Corte  Di Giustizia Europea e dalla  Corte Europea dei Diritti dell’Uomo  le quali con ben quattro sentenze distinte non hanno esitato a dare  ragione ai lavoratori condannando  pesantemente lo Stato Italiano per indebita e scorretta ingerenza nei processi in atto che lo vedevano coinvolto come parte in causa ed il pieno riconoscimento di tutta l’anzianità maturata nell’Ente Locale.

L’assurdità è che si sta ancora continuando a giocare sporco sulle spalle di questi lavoratori, ai quali, bene farebbero i sindacati ed i politici a recitare un “mea culpa”,   ed intavolare una  discussione seria e responsabile per trovare un accordo politico sindacale ponendo fine ad una clamorosa ingiustizia, che rischia, con la ripresa di  migliaia di ricorsi e forti delle sentenze europee, determinare un default colossale per le casse dello Stato Italiano.

Comitato Nazionale ATA – ITP Ex enti Locali