Home Sicurezza ed edilizia scolastica Aumentano i “rischi psicosociali” nella scuola?

Aumentano i “rischi psicosociali” nella scuola?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Questi rischi possono determinare effetti negativi in termini di efficienza e di immagine a livello organizzativo, economico, sociale e ambientale. A tal proposito si evidenziano alcuni fattori di rischio psicosociale:

– aspetti ambientali: rumorosità all’interno delle aule; vibrazioni; variazioni di temperatura, ventilazione, umidità; carenze nell’igiene ambientale;

– caratteristiche del lavoro:

ICOTEA_19_dentro articolo

a) contesto del lavoro (funzione e cultura organizzativa; ruolo nell’organizzazione; sviluppo di carriera; modalità di presa di decisione, stili di gestione e di controllo; relazioni interpersonali; mobilità e trasferimenti; equilibrio tra lavoro e vita privata);

b) contenuto del lavoro (tipo di compito; carico, ritmi e orari di lavoro settimanale con molte ore buca).

Da notare che l’Agenzia “European Agency for Safety and Health at Work” descrive cinque aree di variabili che rendono, da qualche anno a questa parte, in aumento i rischi psicosociali:

1) utilizzo di nuove forme di contratti di lavoro (contratti precari) e l’incertezza e l’insicurezza del lavoro stesso (scarsità di lavoro);

2) forza lavoro sempre più vecchia (poco flessibile e poco adattabile ai cambiamenti) per mancanza di adeguato turn-over;

3) alti carichi di lavoro, con conseguenti pressioni sui lavoratori da parte del management;

4) tensione emotiva elevata, per violenze e molestie sul lavoro;

5) interferenze e squilibrio fra lavoro e vita privata.

Preparazione concorso ordinario inglese