Home Politica scolastica Azzolina ministro, tante emergenze per risolvere per migliorare la scuola

Azzolina ministro, tante emergenze per risolvere per migliorare la scuola

CONDIVIDI

In occasione del Natale il Sottosegretario all’Istruzione Lucia Azzolina ha inviato a tutti i docenti un messaggio di augurio e di prosperità.

Adesso è divenuta Ministro dell’Istruzione e dopo 11 anni dal Palazzo di Viale Trastevere si distacca la complessità e specificità del Ministero dell’Università e Ricerca.

Icotea

Giungano a Lei gli auguri per il nuovo anno e per il nuovo lavoro che l’attende nel 2020.

Lucia Azzolina è “nostra” perché siciliana, di Floridia, “nostra” perché Docente di sostegno e da poco neo Dirigente, che conosce i problemi della scuola dall’interno, avendo svolto anche azione sindacale, quindi si auspica che possa meglio incidere sull’apparato burocratico e gestire con solerzia e dinamicità il cammino di crescita e di sviluppo della scuola italiana, ricca di tante risorse, ma che stenta a decollare per i molteplici ostacoli e le ataviche zavorre.

La sua agenda è piena di emergenze, a cominciare dai concorsi quello straordinario e quello ordinario, dalla necessità di porre fine al precariato, di qualificare il personale docente e di sostegno, di rilanciare l’aggiornamento professionale di tutto il Personale della scuola.

I problemi della scuola sono a Lei noti, ed ora li esamina osservandoli nella complessità del sistema nazionale e sono tanti.

Le auguriamo di pianificare piccoli passi, decisivi e chiari, di tenere fermo il timone non solo per tenere a galla, ma per solcare nuovi mari e consentire alla scuola di crescere, di valorizzare le eccellenze, di stimolare i ragazzi nello sviluppo delle competenze.

Come hanno scritto i docenti del Corso di Specializzazione per il Sostegno del IV Ciclo in un indirizzo di augurio al nuovo Ministro “ La valorizzazione delle competenze e della professionalità ha sempre caratterizzato il Suo approccio e ci auguriamo che la Sua apertura al dialogo con chi opera nel mondo della Scuola possa portare anche al settore del Sostegno Didattico quella spinta alla normalizzazione che tanto i ragazzi con Bisogni Educativi Speciali quanto i docenti di sostegno attendono”.

Le sue dichiarazioni del settembre 2019, quando ha giurato come “Sottosegretario” restino ferme e decise: “Investire sulla scuola, sul futuro di ogni singolo studente, significa potergli cambiare la vita in meglio. Se migliori la vita di uno studente, domani avrai un cittadino migliore e tutta la Repubblica ne trarrà giovamento. La scuola non è un onere per lo Stato, è un investimento, è formare menti pensanti, cittadini e non sudditi, è il nostro futuro più bello”.

Belle parole che non restino solo scritte sulla carta e che la scuola italiana in questo 2020 possa beneficiare di una stagione di ripresa e di sviluppo.

“Investire” vuole dire anche reperire risorse e potenziare le qualità degli operatori per un reale successo formativo degli studenti.

Il Decreto scuola depotenziato, è espressione di una volontà, intrinseca alla politica italiana, di voler rendere marginale la funzione della scuola, che a volte viene scritta senza la “c” della cultura, dei contributi e quindi si legge “suola” e a ben ragione viene calpestata e trascurata.

Signora Ministro, faccia sentire la sua voce e da siciliana verace, dimostri sempre coraggio e coerenza.
Ce lo auguriamo di cuore e non vogliamo restare delusi.