Home Attualità Beatty: “La scrittura è un processo lungo e di lavoro continuo, serve...

Beatty: “La scrittura è un processo lungo e di lavoro continuo, serve abnegazione”

CONDIVIDI
  • Credion

In un’intervista a La Repubblica, lo scrittore afroamericano Paul Beatty, dà degli utili consigli a chi vuole intraprendere la carriera da scrittore: “Ritengo che si possa insegnare la disciplina, fondamentale per chi scrive. E nulla fa crescere come scrivere e scrivere ancora: con abnegazione, sapendo che la scrittura è un processo lungo e di lavoro continuo. Le posso dire che spesso, leggendo gli scritti dei miei studenti, quasi sempre al presente, ho la sensazione che abbiano in mente un film più che un libro. E che per alcuni di loro un sms rappresenti già un testo. Ogni novità, anche tecnologica, influenza la letteratura: io stesso credo di aver cambiato stile rispetto a quando usavo la macchina da scrivere”.
Beatty, nato a Los Angeles nel 1964, ha vinto nel 2016 il Man Booker Prize, prestigioso premio britannico, con Lo schiavista, romanzo sul ripristino della schiavitù in California e della segregazione razziale nei ghetti.