Home Politica scolastica Bersani: il Pd è in crisi perché non parla più con gli...

Bersani: il Pd è in crisi perché non parla più con gli altri. Puglisi: nessun isolamento

CONDIVIDI
  • Credion

Non è andato per il sottile l’ex segretario Pd Bersani: la crisi del Pd cammina su due gambe: isolamento e inconsistenza, son due facce della stessa medaglia.

In un’intervista on line alla rivista Pandora, Bersani sostiene che c’è la necessità di avviare “una battaglia politica” sul tema del partito e di ricomporre un “dialogo con le parti sociali”.

Icotea

“Osservo quel che accade oggi nel nostro campo. Non essendo più il Partito un luogo in cui si discute, fioriscono associazioni e simili. È fortissima l’esigenza di guardarsi in faccia e parlare. Non dico che si sia tornati alle caverne, ma insomma…”.

“Io suggerisco – ha continuato Bersani – però di prenderla anche di lì. Le energie che si sono attivate vanno messe in rete. Dall’altro lato è necessario condurre una battaglia politica nei partiti, in cui i gruppi dirigenti devono preoccuparsi di affrontare una discussione larga e partecipata sul tema del partito stesso. Su come, cioè, i partiti si organizzano e trovano una funzione politica chiara e definita nella società italiana. Questo significa, anche, ricomporre forme di dialogo con le parti sociali. Se ti dai una tua struttura, una tua identità, un tuo profilo organizzativo, viene da sé che ti trovi a parlare con gli altri. Come ci sei, ti apri, come non ci sei, ti isoli”.

A Bersani non ha replicato il premier: anche perché Matteo Renzi era impegnato in Sud America, precisamente a Bogotà, dove ha anche visitato la scuola italiana Leonardo da Vinci e ‘interrogato’ e giocato con gli alunni sui legami tra Italia e Colombia.

 

{loadposition bonus}

 

A rispondere a Bersani, invece, è stata in serata la senatrice Francesca Puglisi, responsabile Scuola del Pd. “Non so cosa intenda Pier Luigi Bersani per un partito ‘isolato ed inconsistente’. So solo che venerdì e sabato a Udine (tra le proteste della Lega Nord) sono arrivati da tutta Italia per discutere con il Pd il futuro dell’Università, della Ricerca e dell’Alta formazione italiana, oltre 300 personalità tra cui il presidente della Crui, i presidenti di fondamentali Enti di ricerca, direttori, i presidenti di Accademie, Conservatori, Istituti di Cultura, ricercatori, organizzazioni studentesche e sindacati. Abbiamo lavorato assieme, come da tempo non si vedeva, in gruppi di lavoro che sono finiti a tarda notte. Come isolamento non è affatto male”, ha concluso tra il seccato e l’ironico la senatrice Puglisi.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola