Home I lettori ci scrivono Bonus card 500 euro, ecco perché ho rinunciato anche quest’anno

Bonus card 500 euro, ecco perché ho rinunciato anche quest’anno

CONDIVIDI

Vorrei solo comunicare che ho rinunciato e rinuncerò anche quest’anno ai 500€ della bonus card. La formazione e “l’autoaggiornamento” li ho sempre fatti e continuerò a farli a mie spese, secondo le mie modalità e la mia deontologia professionale.

L’anno scorso, ho cominciato la specializzazione sul sostegno all’ università di Bologna, per 3000€ ad esempio. Ma non la voglio la mancia elettorale di Renzi e della Giannini. Che razza di mossa è, umiliante e inutile al tempo stesso. Viene data solo a chi è di ruolo. E ai precari, che proprio per questo hanno uno stipendio non continuativo e più basso, se non hanno la cattedra completa? E magari hanno anche meno esperienza, essendo, almeno in teoria, più giovani o alle prime armi. E in cambio di cosa? Del mancato rinnovo del contratto, fermo al 2006? Cioè, 375 milioni ogni anno, solo per fidelizzare al voto e al governo la classe docente? E ci sono le coperture o continuiamo ad aumentare il debito con la spesa pubblica?

Icotea

Capisco che sia importante stare al comando, ma se interessasse davvero la qualità della scuola, non si darebbe il via libera a un progetto, ormai su 100 istituti, come quello di ridurre le superiori da 5 a 4 anni: così, con la scusa dell’Europa (perché in realtà anche nella tanto virtuosa Finlandia e in altri paesi Ue si arriva ai 19 anni) si faranno saltare 40.000 cattedre.

E puntare sulla qualità sarebbe anche ridurre il numero di allievi per classe, per permettere, non solo a parole o per proclami, una vera personalizzazione dell’attività didattica. Oltre naturalmente a dare un vero ruolo agli insegnanti, ora in gran parte stipati in cattedre di “potenziamento” che gli stessi super.presidi faticano a gestire.

Se si mettesse un tetto di 20 ragazzi per classe, ogni 3-4 avremmo una nuova classe, con ore curricolari e di sostegno per molti più docenti. Senza bandire concorsi su cattedre inesistenti o simulacro. No, grazie, cari Renzi, Giannini, Faraone, fatevi un annetto in una qualsiasi scuola secondaria e tenetevi pure i regali, che a Nanbo Natale non ci credo più da un pezzo…