Home Politica scolastica Boom di scioperi nel 2015: +200% per dire no alla riforma

Boom di scioperi nel 2015: +200% per dire no alla riforma

CONDIVIDI

Alla fine la riforma Renzi-Giannini è stata approvata, ma la contestazione è stata altissima. Tanto che nel 2015 gli scioperi si sono incrementati del 200% rispetto all’anno precedente.

A dirlo è stato, il 15 ottobre nel corso di un’audizione a Palazzo Madama, il presidente della commissione di Garanzia, Roberto Alesse: il Garante e ha spiegato che gli scioperi nel settore della scuola hanno subito nel 2015 “una brusca impennata con 52 proclamazioni e 45 azioni di sciopero nazionale effettive. L’aumento rispetto al 2014 (in cui gli scioperi sono stati 16) è stato del 200%”.

Icotea

Poi Alesse ha sottolineato, anche se per chi segue la scuola non è certo una sorpresa, che l’effetto deriva “dallo scontro su alcuni punti della riforma recentemente approvata dal Parlamento”.

 

{loadposition pof}

 

Considerando che il 2015 deve ancora finire e che i sindacati sembrano orientati di nuovo a mobilitarsi (stavolta per il rinnovo del contratto, la cui trattativa non sembra proprio essere nata sotto una “buona stella”), il record sul numero di scioperi potrebbe essere ancora “migliorato”.

E non è un caso che il Governo stia pensando, in chiave di salvaguardia dei servizi pubblici, ad un nuovo regolamento, che escluda dalla proclamazione degli scioperi tutte le sigle sindacali meno rappresentative.

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola