Home Alunni Bullismo, prima condanna confermata in Cassazione

Bullismo, prima condanna confermata in Cassazione

CONDIVIDI

Per due anni ha subito in silenzio per paura delle botte, ma poi non ce l’ha più fatta: si è trasferito e ha denunciato i propri aguzzini. Che adesso sono stati condannati dalla Cassazione, in via definitiva, per atti persecutori, cioè stalking. Ed è la prima volta che una sentenza per reati legati al bullismo passa in giudicato.

 

{loadposition carta-docente}

Icotea

 

Il fatto è avvenuto nell’Istituto professionale “Manfredi Bosco” di Alife (Caserta), dove E.P., fin dal primo anno, era costretto a subire le molestie e le vessazioni di quattro compagni di classe. Per due anni ha cercato di resistere senza ribellarsi né denunciare per paura di aggravare la propria posizione e di prendere altre botte dal branco dei violenti. Quando non ce l’ha più fatta si è trasferito in Piemonte, denunciando tutto alla magistratura. Le indagini hanno fatto il loro corso e, per i quattro bulli, all’epoca dei fatti tutti minorenni, è arrivata la condanna a dieci mesi di reclusione del Tribunale dei minori di Napoli.

Sentenza ora confermata dalla Cassazione, anche se la pena è stata sospesa. (L’Avvenire)