Home Attualità Canada, il caso dei bambini indigeni oggetto di violenze nelle scuole cattoliche:...

Canada, il caso dei bambini indigeni oggetto di violenze nelle scuole cattoliche: una questione storica aperta

CONDIVIDI

Quando una delegazione dell’Assemblea delle Prime Nazioni si è recata in Vaticano nel 2009 per incontrare l’allora papa Benedetto XVI, il pontefice ha fatto presente loro in un incontro privato la sua “angoscia personale” per gli abusi subiti dai bambini indigeni nelle scuole gestite da missionari cattolici in Canada tra il XIX secolo e gli anni ’70 del secolo scorso. Quella che all’epoca era definita un’espressione di profondo e sincero rammarico non è più considerata sufficiente dopo la scoperta lo scorso anno nella Columbia Britannica di circa 200 tombe di bambini non contrassegnate e precedentemente non documentate in quella che era la più grande scuola residenziale indigena del Canada, una delle numerose e simili siti cupi in tutto il paese. Ora i leader indigeni si aspettano niente di meno che scuse pubbliche da Papa Francesco, con funzionari del governo fino al primo ministro Justin Trudeau che prestano sostegno alla loro causa. In programma per incontrare i sopravvissuti delle Prime Nazioni, dei Métis e degli Inuit in Vaticano la prossima settimana prima di una visita in Canada che potrebbe arrivare entro la fine dell’anno, il pontefice sembra probabilmente offrire proprio queste scuse per il ruolo della chiesa negli abusi nei collegi. “Stiamo cercando di dare voce ai senza voce andando lì in Vaticano”, ha detto Gary Gagnon, che rappresenterà il popolo Métis di origini miste europee e indigene nella delegazione. Originariamente prevista per lo scorso dicembre, la visita è stata posticipata a causa della pandemia di COVID-19. Più di 150.000 bambini nativi furono costretti a frequentare scuole cristiane finanziate dallo stato dal 19° secolo fino agli anni ’70 nel tentativo di isolarli dall’influenza delle loro famiglie, comunità e della loro cultura, cristianizzarli e assimilarli nella società tradizionale, che i governi precedenti consideravano superiori. Il governo ha ammesso molti decenni dopo che gli abusi fisici e sessuali erano dilaganti, con studenti picchiati perché parlavano la loro lingua madre. Quell’eredità di abuso e isolamento è stata citata dai leader indigeni come una delle cause principali dei tassi epidemici di alcol e tossicodipendenza nelle riserve. Quasi tre quarti delle 130 scuole residenziali erano gestite da congregazioni missionarie cattoliche.

La scoperta delle sepolture e la riapertura del caso: crisi con il Vaticano

Lo scorso maggio le popolazioni Tk’emlúps te Secwépemc ha annunciato la scoperta delle tombe vicino a Kamloops, nella Columbia Britannica, rinvenute utilizzando un radar. I siti non sono stati ancora oggetto di scavo e rilievo, ma hanno rinnovato una resa dei conti nazionale ed un rancore profondo poiché i gruppi indigeni in tutto il paese cercano tombe in altre scuole residenziali. “Quello che ha davvero spinto le cose in avanti è stato Kamloops”, ha detto Phil Fontaine, che è stato capo nazionale dell’Assemblea delle Prime Nazioni nel 2009 e ha guidato la delegazione che ha incontrato Benedetto XVI. Fontaine, 77 anni, ha detto che lui e i suoi compagni di classe hanno subito abusi fisici e sessuali quando era un ragazzo alla Fort Alexander Indian Residential School di Manitoba, dove gli era proibito vedere la famiglia tranne che per due ore la domenica anche se questa viveva nelle vicinanze. “Finalmente i canadesi stanno dicendo: ‘Oh, quindi è vero. Questo è quello che è successo nelle scuole residenziali'”, ha fatto presente alla stampa l’ex-studente. Ha aggiunto inoltre: “Penso che abbia esercitato molta pressione sulla Chiesa cattolica e sul Vaticano. Tieni presente che lo stesso primo ministro ha chiesto allo stesso Francesco di scusarsi”. Fontaine chiede che la visita del papa in Canada, che il Vaticano ha annunciato ma non ancora con una data fissata, avvenga nelle terre indigene dello stato. Una Commissione nazionale per la verità e la riconciliazione ha registrazioni di almeno 51 bambini assassinati dopo violenze nella scuola di Kamloops tra il 1915 e il 1963. A livello nazionale, la commissione ha identificato circa 3.200 decessi confermati nelle scuole residenziali in condizioni precarie, alcuni per tubercolosi, ma ha notato che la causa della morte non è stata registrata per quasi la metà di questi ultimi. 

Icotea

Le scuse delle Chiese locali per le violenze e le uccisioni subite dai bambini nelle scuole del Canada

Il vescovo di Calgary William McGrattan, vicepresidente della Conferenza episcopale canadese, ha affermato che la chiesa spera che l’incontro in Vaticano della prossima settimana sarà un momento storico per tutti i canadesi, ma “soprattutto per la nostra Prima Nazione e per i nostri Métis”.“Porteranno le loro storie e le storie delle loro comunità”, ha dichiarato McGrattan. “Papa Francesco e i vescovi ascolteranno e risponderanno per assicurarsi che ci impegniamo in questo cammino di riconciliazione”. L’ex primo ministro Stephen Harper ha chiesto scuse formali alle scuole residenziali in Parlamento nel 2008, definendole un capitolo triste della storia canadese e affermando che la politica di assimilazione forzata ha causato gravi danni alle comunità indigene locali. Come parte di una transazione di una causa che coinvolge anche l’esecutivo canadese, le chiese e i circa 90.000 studenti sopravvissuti, lo stato ha pagato risarcimenti per miliardi di dollari trasferiti alle comunità indigene. La Chiesa cattolica, dal canto suo, ha pagato oltre 50 milioni di dollari e ora intende aggiungerne altri 30 milioni nei prossimi cinque anni. Le Chiese Unita, Presbiteriana e Anglicana si sono già scusate pubblicamente per le loro responsabilità in tali atti.