Home I lettori ci scrivono Canotte e infradito a scuola: gli studenti rispettino l’ambiente che frequentano

Canotte e infradito a scuola: gli studenti rispettino l’ambiente che frequentano

CONDIVIDI

Con i primi assaggi d’estate che coincidono con gli ultimi giorni dell’anno scolastico  e l’inizio degli esami di Stato per la Scuola Secondaria di I grado e di II grado (maturità), gli studenti e le studentesse si dimenticano del rispetto dell’ambiente scolastico che frequentano, del bon ton e del modo di vestirsi a scuola offrendo uno spettacolo che non tiene affatto conto della morigeratezza dei costumi soprattutto a scuola.

Si vedono, addirittura ragazzi che vanno a scuola in canotta e in bermuda (ed anche con infradito) come se dovessero andare al mare e ragazze con vestiti leggeri che spalle completamente scoperte, gonne molto corte e addirittura con scarpe tacco 12.

Icotea

Questa foggia del vestire non è certamente consono all’ambiente scolastico e alcuni dirigenti scolastici (ma dovrebbero farlo tutti) hanno, giustamente, emanato delle circolari per invitare gli studenti a recarsi a scuola con un abbigliamento adatto al luogo e all’ambiente.

Ovviamente ciò ha provocato rimostranze da parte degli studenti e dei genitori e questi ultimi hanno l’importante e delicato compito di richiamare i figli anche sull’abbigliamento da indossare per la scuola.

In un ambiente scolastico ci si veste in maniera adeguata e la stessa cosa vale per tutti gli uffici e gli enti pubblici e privati. La foggia del vestire cambia a seconda del luogo in cui ci troviamo e quindi non ci si può vestire in tenuta da spiaggia recandosi a scuola o anche sul posto di lavoro.

Tali considerazioni, ovviamente, rientrano sempre in un discorso educativo perché la buona educazione ci insegna non solo come gli adolescenti e i giovani debbano comportarsi quando sono a scuola, ma anche quando indossano l’abbigliamento adatto per l’ambiente scolastico. Si tratta di forme di rispetto e di decoro sia verso i docenti, sia verso i compagni di classe, sia verso l’istituzione scolastica che frequentano.

Quindi rispettare sempre l’istituzione che si frequenta.

 

Mario Bocola