Home Generale Carcere per chi incita all’odio razziale

Carcere per chi incita all’odio razziale

CONDIVIDI

La Camera ha approvato in via definitiva la legge che punisce con la reclusione da 2 a 6 anni, l’incitamento all’odio razziale che si fonda “in tutto o in parte sulla negazione della Shoah o dei crimini di genocidio, dei crimini contro l’umanità e dei crimini di guerra”: I sì  sono stati 237, i no 5, gli astenuti 102.

In aula un deputato di Forza Italia ha detto: “Ho il massimo rispetto per le finalità dell’intervento di contrasto dei crimini di genocidio e per lo spirito che lo anima. Ma questo non può essere una esimente per avallare una norma scritta malissimo, che non ha né capo né coda e che è stata modificata dal Senato in modo scellerato, sì da renderla tecnicamente orribile. Siamo passati da un’aggravante a un reato autonomo, e mi chiedo: in un Paese che soffre di una esasperata frantumazione delle fattispecie incriminatrici, c’era bisogno di introdurre un altro reato?”.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

“E ancora, si sta infilando nel testo il concetto, penalisticamente inafferrabile e malleabile di ‘concreto pericolo di diffusione’, mentre si eliminano i riferimenti alla ‘pubblicità’ della condotta perseguibile. Una fattispecie penale deve essere tipica e determinata, e in questo caso non lo è. Questo modo di fare le norme penali a ‘forbice aperta’, senza contenuti certi, è proprio degli Stati non democratici. Per questo, e assolutamente non per altro, personalmente voterò contro questo provvedimento”.

Per il Pd, invece, “è una legge che guarda al futuro”. Per Chiara Gribaudo, vice-presidente del gruppo dem di Montecitorio, “il Parlamento intende contrastare una delle forme più sottili e striscianti della diffamazione razziale, della xenofobia a sfondo antisemita e non solo, e in genere dell’incitazione all’odio”.

Il presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Renzo Gattegna, era presente al dibattito e alla votazione in aula a Palazzo Madama. “L’Italia scrive una pagina storica della sua recente vicenda parlamentare e dota il legislatore di un nuovo fondamentale strumento nella lotta ai professionisti della menzogna tutelando al tempo stesso, con chiarezza, principi irrinunciabili quali la libertà di opinione e di ricerca”.