Home Precari Caro Mario Lavia ti scrivo…

Caro Mario Lavia ti scrivo…

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Il noto giornalista Mario Lavia, in un recente dibattito (nella trasmissione Agorà andata in onda su Rai Tre il 19 agosto 2015 ) sull’assegnazione fuori regione delle cattedre per l’insegnamento nella Scuola Pubblica, ha contestato gli insegnanti italiani suggerendo loro:  “andate a lavorare ”.

A Lavia bisognerebbe  far capire che scegliere la professione di insegnante è idealmente il frutto di una consapevolezza e di un reale interesse per tale attività. Tra le caratteristiche personali che dovrebbero contraddistinguere una persona che decide di dedicarsi all’insegnamento vi è quindi in primo luogo l’aspetto della motivazione verso l’attività docente. Inoltre, poiché la scuola deve confrontarsi con una realtà complessa contraddistinta da rapidi cambiamenti, è pure importante che l’insegnante sia motivato verso l’innovazione e contribuisca alla sua attuazione a tutti i livelli del contesto scolastico.

ICOTEA_19_dentro articolo

Motivazione e attitudini caratterizzano in maniera particolare ogni insegnante al momento dell’entrata in servizio e giocano un ruolo rilevante, nell’ottica di un impiego pluriennale in un ambito professionale nel quale aspetti quali la socializzazione o la comunicazione hanno grande importanza e in cui l’atteggiamento nei confronti della flessibilità o della collaborazione fra colleghi può giocare un ruolo consistente negli anni a venire. Aspetti, quali ad esempio la socializzazione e la comunicazione, l’apertura verso la cultura e le sue manifestazioni, l’attitudine alla gestione di conflitti, oppure le attitudini a livello di gestione e conduzione di gruppi e di situazioni, sono di particolare rilievo. Inoltre sicuramente Lavia sa che  “in Giappone gli unici cittadini che non sono obbligati ad inchinarsi davanti all’imperatore sono gli insegnanti. Il motivo è che i giapponesi sostengono che senza insegnanti non ci possono essere imperatori“. 

Riflessioni che evidenziano la saggezza orientale  con una punta di comprensibile orgoglio, mentre  in una Italia  torpida, presuntuosa e sempre più barbara, la caccia all’insegnante sembra essere un sport di moda

Preparazione concorso ordinario inglese