Home Sicurezza ed edilizia scolastica Cede l’intonaco: sei bimbi lievemente feriti

Cede l’intonaco: sei bimbi lievemente feriti

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La più grave è una bambina di tre anni. Ha subito alcune escoriazioni alla testa, ma la Tac ha escluso altre lesioni. Gli altri cinque feriti sono stati medicati e portati comunque in ospedale per precauzione in codice verde.

All’origine del crollo, secondo quanto riferisce il Comune di Sesto sulla base di una prima analisi dei vigili del fuoco, ci sarebbe una «imprevedibile e imprevenibile» dilatazione termica. L’intonaco infatti non era ammalorato e l’intera scuola era in condizioni buone. L’edificio è stato comunque chiuso dal sindaco, Monica Chittò, in attesa della valutazione di un ingegnere strutturista. Subito dopo il crollo sono giunti sul posto soccorritori del 118, vigili del fuoco e agenti della polizia locale. La maggior parte dei bambini è stata ospitata in un istituto superiore che si trova di fronte all’asilo, ma alcuni sono stati portati a casa dai propri genitori. Il sindaco ha cercato comunque di tranquillizzarli spiegando che nella zona dell’intonaco crollato non c’erano infiltrazioni e il distacco è probabilmente un evento tanto isolato quanto imprevedibile. In ogni caso la scuola materna domani resterà chiusa e oggi pomeriggio l’esame dello strutturista potrà dire se si possano escludere o meno episodi del genere. In caso positivo l’asilo potrebbe riaprire già da lunedì.

Sulla vicenda è intervenuto con un post su Twitter anche il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone: «Su #Sesto stiamo accertando. Per fortuna i bambini stanno bene. Per il governo #scuolesicure è una priorità @MiurSocial». Faraone ha assicurato che il ministero segue con attenzione la vicenda della scuola materna Vittorino Da Feltre di Sesto San Giovanni. Proprio oggi al dicastero di viale Trastevere «dopo 17 anni si insedia l’Osservatorio per l’edilizia scolastica. Lavoriamo concretamente per scuole nuove e sicure» ha ricordato in un altro tweet Faraone.

ICOTEA_19_dentro articolo

Preparazione concorso ordinario inglese