Home Archivio storico 1998-2013 Estero Colorado, nasce maschio ma si sente femmina. E la scuola non capisce

Colorado, nasce maschio ma si sente femmina. E la scuola non capisce

CONDIVIDI
  • Credion
Nascere maschio, ma sentirsi femmina. Oppure nascere femmina e sentirsi maschio. O sentirsi entrambi. Non sono pochi i giovani che vivono queste situazioni.
E che già da bambini hanno difficoltà e imbarazzo a gestire la loro realtà di transgender. Soprattutto quando sono costretti a vivere con un ambiente, familiare ed esterno, che li ostacola. Spesso anche a scuola. Con il silenzio che vince su tutto. Ma non risolve. Anzi. Amplifica le sofferenze.
Ma non sempre le cose vanno così. A volte certi casi diventano pubblici. Come quello che sta vivendo in questi giorni il Colorado. Dove Coy è nata maschio, sei anni fa, ma si sente una femmina. La sua è la storia di altri bambini e ragazzi transgender, che negli Stati Uniti stanno affrontando una lunga battaglia per veder riconosciuti i propri diritti, di cui oggi il 18 marzo si occupato in maniera approfondita il New York Times.
I genitori di Coy hanno dato inizio a una disputa con le autorità del Colorado, lo Stato in cui vivono, dopo che la scuola dove frequenta la prima elementare ha vietato a Coy di usare il bagno delle bambine. “Sono cattivi con me – ha commentato Coy – dicono che sono un bambino quando sono per davvero una ragazza”.

Il suo è un caso che, per questo, metterà alla prova la legge anti-discriminazione del Colorado, che ha esteso la protezione ai transgender nel 2008. Nel frattempo, in segno di protesta, il fratello e la sorella rimarranno a casa insieme a Coy, finché non le sarà consentito di usare, a scuola, il bagno delle bambine.
Le scuole negli Stati Uniti si trovano sempre di più a contatto con le esigenze degli studenti transgender e, al momento, 16 Stati e il District of Columbia offrono a questi ragazzi una protezione. Anche negli Stati dove le autorità non hanno previsto un intervento a protezione dei transgender, alcune scuole si stanno dimostrando sensibili e decise a trovare delle soluzioni che accontentino tutti. Il New York Times, per esempio, cita un caso avvenuto in Kansas, con un bambino di 10 anni che ha ottenuto di farsi chiamare con un nome da femmina e di potersi vestire come una bambina. Ma non sempre le autorità e i genitori degli altri bambini accettano i transgender nella loro diversità.