Home Didattica Come fare didattica a distanza in matematica

Come fare didattica a distanza in matematica

CONDIVIDI
  • Credion

La didattica a distanza è una delle esigenze maggiori che ha coinvolto studenti e docenti nei periodi di lockdown durante l’emergenza sanitaria CoronaVirus. Una delle domande più frequenti è proprio: è possibile insegnare la matematica con la didattica a distanza?

In questa guida vedremo quali sono gli strumenti e i tools indispensabili per l’insegnamento della materia.

Icotea

Per gli studenti di matematica la didattica a distanza è il web!

Fino alla fine degli anni ’90, uno studente di matematica aveva solo libri e appunti che potevano supportarlo nello studio a casa. Oggi, con l’avvento dell’era digitale, ogni studente può cercare tantissimi approfondimenti semplicemente con il suo smartphone. Esistono infatti siti che propongono esercizi di matematica on line, appunti e formulari pubblicati su internet da scuole e università e addirittura canali Youtube con tutte le spiegazioni e i problemi svolti e commentati.

Questo tipo di sostegno extra scolastico e open source esiste da oltre 10 anni e sono tantissimi gli studenti che ne fanno uso, indipendentemente dai lockdown causati dal Covid19. Il vero problema si è presentato per il mondo degli insegnanti.

La didattica a distanza e la matematica per i docenti: quanti problemi!

Il mondo della scuola è quello che ha sofferto maggiormente le restrizioni. Molto e forse troppo legati alla classica lezione frontale in classe, quasi tutti gli istituti scolastici si sono fatti trovare impreparati di fronte alla dad matematica, scaricando il problema sugli insegnanti.

Questo perché insegnare matematica a distanza, soprattutto di fronte ad una classe di studenti, non è facile: trasmettere dei contenuti anche visivamente di fronte ad un pubblico che è incline a distrazioni è stata una sfida per tanti professori.

Quali sono gli strumenti NECESSARI E CONSIGLIATI

  • Connessione internet: la didattica a distanza è possibile solo se è presente una connessione internet sufficientemente veloce da consentire lo streaming e le videocall.
  • La videochiamata: uno strumento gratuito e molto versatile da utilizzare è Google Meet che consente a più persone di partecipare ad una videochiamata semplicemente condividendo un link. Basta cliccare su questo per entrare nella “lezione”. E’ possibile condividere in maniera semplice il contenuto del proprio pc, presentazioni, schermate e tanto altro ancora.
  • La classe virtuale: è sempre Google che mette a disposizione ai docenti uno strumento molto potente per la didattica a distanza in matematica. Si chiama Google Classroom, gratuito, e funziona proprio come un registro di classe. Facilita il lavoro di registrazione dei voti, correzione dei compiti e ha tante interessanti funzionalità per la scuola.
  • Presentazioni power point: in tante università italiane, già da diversi anni, i docenti si preparano le proprie lezioni in anticipo creando una semplice presentazione power point con delle animazioni con tutti i passaggi matematici. Negli istituti inferiori e superiori potrebbero adottare questo supporto didattico in maniera molto semplice, anche perché gratuito.
  • Una lavagna digitale: la matematica necessità di una lavagna su cui poter scrivere. Negli ultimi anni si sono diffusi tantissimi modelli di lavagne digitali che necessitano semplicemente di 1 pc e di una presa USB libera. A supporto di queste esistono tanti software gratuiti come WhiteBoard di Windows davvero semplicissimi da usare.

Conclusioni

La didattica a distanza in matematica ha probabilmente messo in difficoltà tanti docenti, soprattutto quelli meno giovani, proprio perché richiede una maggiore confidenza con le nuove tecnologie digitali.

Il nostro consiglio è comunque di sperimentare perché, anche per l’effetto Lockdown e chiusure generalizzate, sono disponibili diversi tool e strumenti in commercio che potrebbero semplificare ulteriormente la didattica a distanza in matematica e il lavoro per docenti e studenti.

pubbliredazionale