Home Archivio storico 1998-2013 Generico Come recuperare e valorizzare i centri storici degradati

Come recuperare e valorizzare i centri storici degradati

CONDIVIDI
  • Credion

L’iniziativa, promossa dall’Osservatorio d’Area Permanente San Cristoforo e da Città Solidale, è un’occasione di incontro per porre l’attenzione sul valore storico, artistico, architettonico, sociale e culturale dei centri storici degradati.
Saranno presenti al dibattito: il Vicesindaco del Comune di Catania Raffaele Lombardo, l’Assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Catania Antonio Scavone, Luigi Bosco, presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Catania, Antonio Licciardello, presidente dell’Ordine degli Architetti di Catania, Tino Vittorio, docente dell’Università di Catania, Giuseppe Dato, docente dell’Università di Catania, Orazio D’Antoni, consigliere comunale, Piero Quinci, presidente di Città Solidale, Piero Privitera, presidente di Osservatorio d’Area Permanente San Cristoforo.

Nell’occasione sarà presentato anche il saggio "San Cristoforo: la città storica minore", patrocinato da Osservatorio d’Area Permanente San Cristoforo, Città Solidale.

Il saggio pone l’accento sul più popolare quartiere di Catania che subisce l’appellativo di degradato: la periferia storica da riqualificare, da far riemergere dall’emarginazione sociale ed ambientale. E’ in questa direttiva che si pongono gli autori del saggio: Carlo Ambra, ingegnere, Paolo Comito, ingegnere, Salvatore Di Mauro, architetto, Andrea Ferro, ingegnere, Agata Milazzo, ingegnere, Salvatore Viscuso, architetto ed i già citati Raffaele Lombardo, Antonio Scavone, Orazio D’Antoni, Tino Vittorio.

Un unico imperativo: recuperare il patrimonio edilizio, sociale, culturale ed economico oggi esistente per riportare il centro storico a cuore pulsante della città, il tutto nell’ottica del redigendo Piano Regolatore Generale di Catania.

Il dibattito sarà moderato dal giornalista Alfio Sciacca.


Per maggiori informazioni consulta il sito "Sotto il Vulcano" presente in "Ulteriori approfondimenti".