Home Attualità Comparti di contrattazione, sottoscritto il CCNQ all’Aran

Comparti di contrattazione, sottoscritto il CCNQ all’Aran

CONDIVIDI
  • Credion

Il 3 agosto è stato sottoscritto il CCNQ per la definizione dei comparti e delle aree di contrattazione collettiva nazionale per il triennio 2019-2021.

Vengono confermati i comparti Funzioni centrali, Istruzione e ricerca, Funzioni locali e Sanità, la cui composizione è rimasta per lo più analoga a quella del precedente triennio.

La sottoscrizione del CCNQ è fondamentale, perché rappresenta l’atto preliminare per la sottoscrizione dei contratti di settore.

Per quanto riguarda le Aree della dirigenza, ferma restando l’articolazione nelle quattro aree già definite dal precedente CCNQ, le parti hanno ritenuto opportuno proseguire a settembre il negoziato per individuarne la composizione.

Comparto Istruzione e Ricerca

Il comparto di contrattazione collettiva dell’Istruzione e della ricerca comprende il personale non dirigente, ivi incluso quello di cui all’art. 69, comma 3, del d.lgs. n. 165 del 2001, dipendente da:

I. : Scuole statali dell’infanzia, primarie, secondarie ed artistiche, istituzioni educative e scuole speciali, nonché ogni altro tipo di scuola statale;

II. : Accademie di belle arti, Accademia nazionale di danza, Accademia nazionale di arte drammatica, Istituti superiori per le industrie artistiche – ISIA, Conservatori di musica e Istituti Superiori di Studi Musicali;

III. : Università, Istituzioni Universitarie e le Aziende ospedaliero-universitarie di cui alla lett. a) dell’art. 2 del d.lgs. 21 dicembre 1999, n. 517;

IV. : Consiglio nazionale delle ricerche – CNR;

  • Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria – CREA;
  • Consorzio Laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile LAMMA;
  • Consorzio per l’area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste – (AREA Science Park);
  • Ente per le nuove tecnologie, l’energia e l’ambiente – ENEA;
  • Istituto italiano di studi germanici – IISG;
  • Istituto nazionale di alta matematica “Francesco Severi” – INdAM;
  • Istituto nazionale di astrofisica – INAF;
  • Istituto nazionale di documentazione, innovazione e ricerca educativa – INDIRE;
  • Istituto nazionale di fisica nucleare – INFN;
  • Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia – INGV;
  • Istituto nazionale di oceanografia e geofisica sperimentale – OGS;
  • Istituto nazionale di ricerca metrologica – INRIM;
  • Istituto nazionale di statistica – ISTAT;
  • Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e formazione – INVALSI;
  • Ispettorato Nazionale per la Sicurezza Nucleare e la Radioprotezione – ISIN;
  • Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche – INAPP;
  • Istituto superiore di sanità – ISS;
  • Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale – ISPRA;
  • Museo storico della fisica e centro di studi e ricerche “Enrico Fermi”;
  • Stazione zoologica “Antonio Dohrn”;

V. : Agenzia spaziale italiana – ASI;

VI. : Personale ex ISPESL transitato all’INAIL ai sensi dell’art. 7, comma 5, D.L. 78/2010 e personale ex ISFOL transitato all’ANPAL ai sensi dell’art. 4, comma 9, del D.Lgs. n. 150/2015.