Home Concorsi Concorso dirigente tecnico. Cspi: si bandisca con urgenza per nuovi 146 posti

Concorso dirigente tecnico. Cspi: si bandisca con urgenza per nuovi 146 posti

CONDIVIDI

Il recente parere del Cspi sullo schema di decreto del ministro dell’Istruzione recante Modalità di esercizio della funzione
tecnico-ispettiva
spinge affinché con urgenza si bandisca il concorso (già autorizzato ai sensi del decreto-legge n. 126/2019, convertito con modificazioni dalla legge n. 159/2019) in vista di un necessario ampliamento dell’organico, tale che si assicuri un numero adeguato di dirigenti tecnici operanti nell’Amministrazione periferica, in stretto rapporto con le scuole e sul territorio.

SCARICA IL PARERE CSPI

Leggiamo infatti nel parere del Cspi:

Icotea

Per la realizzazione degli obiettivi richiamati nello schema di decreto oggetto dell’odierno parere, l’attuale organico di centonovanta dirigenti tecnici, previsto dal DPCM 166/2020, sia del tutto insufficiente e considera indispensabile procedere ad un ampliamento dell’organico.

Bisogna che si superi rapidamente e definitivamente – spiega il parere del Cspi – l’attuale situazione di instabilità dell’organico che si avvale per la maggior parte di dirigenti tecnici con incarico temporaneo.

Del resto la modifica apportata all’art. 419 del D.lgs. 297/1994 dal decreto-legge n. 73/2021 (il cosiddetto Sostegni bis), convertito con modificazioni dalla legge n. 106/2021, relativa alle modalità del concorso per dirigenti tecnici, abbrevia i tempi per l’emanazione del bando e lo svolgimento delle prove concorsuali. È dunque possibile – ricorda il Cspi – procedere all’assunzione dei 146 dirigenti tecnici necessari al fine di tendere al completamento dell’organico previsto dal DPCM 166/2020.

Chi può partecipare al concorso?

Al concorso sono ammessi:

  • dirigenti scolastici delle istituzioni scolastiche statali;
  • il personale docente ed educativo delle istituzioni scolastiche ed educative statali, confermato in ruolo, che sia in possesso di diploma di laurea magistrale o specialistica, ovvero di laurea conseguita in base al previgente ordinamento, di diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM), ovvero di diploma accademico conseguito in base al previgente ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore, e che abbia maturato un’anzianità complessiva, anche nei diversi profili indicati, di almeno 10 anni.

Prepararsi al concorso

Le prove del concorso riguarderanno gli aspetti giuridici e amministrativi presenti in qualsiasi procedura di reclutamento di personale dirigenziale e in particolare le specificità della professione, nonché i casi concreti con i quali deve misurarsi quotidianamente il Dirigente Tecnico.

LA TECNICA DELLA SCUOLA IN COLLABORAZIONE CON MEB FORMAZIONE PROPONE UN CORSO DI FORMAZIONE PER AFFRONTARE LE PROVE.

CORSO ON LINE
12 moduli con videolezioni e risorse
fruibili 24 ore su 24
Info e iscrizioni