Home I lettori ci scrivono Concorso docenti infanzia, valorizzare le vere competenze

Concorso docenti infanzia, valorizzare le vere competenze

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Sono una docente di Scuola dell’Infanzia dal 1982 (quando per ottenere il Diploma si dovevano fare 180 giorni di Tirocinio con esame finale/Abilitazione).

Scrivo per ricordare a quanti SFP pensano che il Diploma non serve a nulla. Il problema è davvero complesso. Infatti ci sono diplomati/e che, come me, per anni sono stati reclutati/e dalle Scuole con regolari bandi per progetti di Psicomotricità.

Siamo Esperti/e Esterni perché riconosciuti come Professionisti dell’educazione, ma per il Miur tale Formazione non è riconosciuta a livello di punteggio.

ICOTEA_19_dentro articolo

Quindi, come mai si parla di qualità dei docenti e poi quando ci sono Docenti che hanno qualifiche professionali (pagate di tasca propria, facenti parte di un Elenco Professionale che obbliga a formazione continua garantita da Associazioni di categoria nazionali- ANUPI EDUCAZIONE – con rivista pubblicata da Erickson) vengono equiparati/e tristemente (con il punteggio) a persone che hanno un diploma impolverato nel cassetto da almeno 20 anni?

Spero che il Ministro Marco Bussetti possa leggere questa lettera e, visto che si stanno pubblicando i bandi di concorso (straordinario ed ordinario per la Scuola dell’Infanzia…) ove appaiono, nelle bozze, competenze di lingua straniera, si ricordi che ci sono bambini/e italiani che arrivano alla Scuola dell’Infanzia e, non parlano ma agiscono, utilizzano il corpo ed il gioco per esprimersi e, se trovano un/a Docente formato/a al linguaggio corporeo e motorio potrebbe beneficiare e la Scuola potrebbe davvero vantare qualità nel POF/ PTOF, giusto?

Karin Fanutti

Preparazione concorso ordinario inglese