Home Concorsi Concorso scuola secondaria, 24 mila posti per giovani neolaureati

Concorso scuola secondaria, 24 mila posti per giovani neolaureati

CONDIVIDI

La questione reclutamento attende di essere risolta in modo definitivo: sappiamo infatti che dei 48 mila posti destinati per intero alla scuola secondaria, la metà confluiranno in una procedura straordinaria non selettiva, mentre il resto sarà lasciato per un concorso scuola ordinario destinato a reclutare nuovi giovani insegnanti.

In questo articolo facciamo chiarezza proprio su questo contingente.

Concorso scuola 2019: cosa e dove insegnare con il mio titolo

Prima di tutto, bisogna evidenziare che i titoli di accesso all’insegnamento costituiscono il requisito base per accedere nella scuola italiana.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nell’ordinamento scolastico non è consentito l’accesso all’insegnamento con la laurea di primo livello; è necessario, infatti, conseguire una laurea di secondo livello (specialistica o magistrale).

Risulta evidente che in base al titolo di studio l’aspirante docente può insegnare una disciplina oppure un’altra. Come fare per capirlo?

A tal proposito, la Cisl Scuola, ad esempio, ha messo a disposizione un utile documento che mette in corrispondenza le classi di concorso con gli indirizzo di studio nella scuola secondaria.

 

SCARICA IL DOCUMENTO PER CONTROLLARE LA CORRISPONDENZA

Concorso scuola 2019: per accedere serve la laurea magistrale. Ed i 24 CFU

La novità principale del prossimo concorso scuola 2019 per la secondaria, è proprio il fatto che potranno partecipare tutti i candidati in possesso della laurea magistrale ma privi di abilitazione. A questo requisito, tuttavia, deve essere aggiunto il possesso dei 24 CFU, ovvero crediti formativi universitari nelle “discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche”, che restano requisito d’accesso come previsto dal Decreto Legislativo n. 59/2017.

Pertanto, per partecipare al prossimo concorso docenti non sarà necessario possedere un’abilitazione all’insegnamento (TFA o SSIS).

24 CFU, cosa sono e come acquistarli per diventare insegnante

Per quanto riguarda i posti banditi per il sostegno, oltre ad i requisiti dei posti comuni, sarà necessario avere la specializzazione sul sostegno.

Saranno moltissimi i neolaureati, che senza abilitazione potranno accarezzare l’idea di superare un concorso e dopo alcuni mesi sedersi in cattedra ancora in giovane età.

Dopo il concorso scuola 2019: solo un anno di formazione e prova

Chi vincerà il concorso scuola secondaria, accederà ad un “percorso annuale di formazione iniziale e prova“. Questo percorso sarà quindi annuale, ovvero, il docente dovrà frequentare questo anno di “transizione” alla cattedra definitiva. Prima però sarà necessaria una valutazione finale.

E’ stato abolito, infatti, il sistema di formazione iniziale adottato dal decreto Legislativo n. 59/2017, in merito ai tre anni di formazione iniziale e tirocinio che i vincitori di concorso dovevano sostenere prima di entrare in ruolo.

Un volta superato l’anno e confermato in ruolo, il docente vincitore di concorso dovrà restare altri quattro anni nella stessa scuola in cui ha superato l’annualità di formazione e prova, per un totale di cinque anni di blocco sulla stessa sede.

Concorso scuola 2019 secondaria: i vincitori assunti nel 2020

Un punto molto importante su cui bisogna soffermarsi è quello relativo al fatto che il concorso sarà bandito entro il 2019, forse entro l’estate mentre le assunzioni dei vincitori però saranno effettuate a settembre 2020.

LEGGI ANCHE
Concorso scuola secondaria, blocco di cinque anni per i vincitori
Concorso scuola 2019 secondaria: bando in estate, prove in autunno e assunzioni nel 2020
Concorso scuola 2019, ecco perché si attendono tantissimi partecipanti
Concorso docenti 2019, cosa e dove posso insegnare con il mio titolo di studio