Home Concorsi Concorso docenti 2019, cosa e dove posso insegnare con il mio titolo...

Concorso docenti 2019, cosa e dove posso insegnare con il mio titolo di studio

CONDIVIDI

Nei giorni scorsi il Ministro ha parlato anche del prossimo concorso docenti 2019, anche se non ha fornito indicazioni precise in merito alla procedura per la scuola secondaria, soprattutto per quanto riguarda la tempistica. L’unica certezza sembrerebbe, come evidenziato in precedenza, che il bando dovrebbe arrivare entro il 2019, forse già a settembre.

Nel frattempo da settimane arrivano quesiti in redazione per capire come funzionerà il prossimo concorso scuola secondaria e come accedervi, oltre al fatto di voler comprendere cosa poter insegnare con i propri titoli. In questo articolo proviamo a ricapitolare il tutto.

Concorso scuola secondaria 2019: cosa e dove insegnare con il mio titolo

Prima di tutto, bisogna dire che i titoli di accesso all’insegnamento costituiscono il requisito base per accedere nella scuola italiana.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nell’ordinamento scolastico non è consentito l’accesso all’insegnamento con la laurea di primo livello; è necessario, infatti, conseguire una laurea di secondo livello (specialistica o magistrale).

Risulta evidente che in base al titolo di studio l’aspirante docente può insegnare una disciplina oppure un’altra. Come fare per capirlo?
A tal proposito, la Cisl Scuola ha messo a disposizione un utile documento che mette in corrispondenza le classi di concorso con gli indirizzo di studio nella scuola secondaria.

 

Ad esempio: “Cosa posso insegnare con la laurea la cui classe di concorso è A12?” Con questo codice ci si riferisce all‘insegnamento delle materie letterarie negli istituti di istruzione secondaria di II grado. Con tale titolo è possibile insegnare nei licei artistici, classici, linguistici, scientifici, musicali, scienze umane, ecc….

SCARICA IL DOCUMENTO PER CONTROLLARE LA CORRISPONDENZA

Concorso scuola secondaria 2019: basta la laurea magistrale e 24 CFU

Prima di tutto bisogna ricordare che dal prossimo concorso scuola secondaria 2019, potranno partecipare tutti i laureati  i candidati in possesso della laurea magistrale ma privi di abilitazione. A questo requisito, tuttavia, deve essere aggiunto il possesso dei 24 CFU, ovvero crediti formativi universitari nelle “discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche”, che restano requisito d’accesso come previsto dal Decreto Legislativo n. 59/2017.

Pertanto, per partecipare al prossimo concorso docenti non sarà necessario possedere un’abilitazione all’insegnamento (TFA o SSIS), ma solo i requisti appena descritti, ovvero laurea e 24 CFU.

24 CFU, cosa sono e come acquistarli per diventare insegnante

Per quanto riguarda i posti banditi per il sostegno, oltre ad i requisiti dei posti comuni, sarà necessario avere la specializzazione sul sostegno.

Concorso scuola secondaria 2019: per i precari superpunteggio e riserva del 10%

La riforma del reclutamento, ricordiamo, prevede che al concorso docenti 2019 possano partecipare i candidati con almeno tre anni di servizio negli ultimi otto. A questa categoria, tuttavia, è riservata una quota pari al 10% del totale.
Non solo: è stato approvato dall’XI Commissione lavoro del Senato un emendamento al decreto di conversione di “quota 100” teso a valorizzare l’esperienza e titoli di servizio nel prossimo concorso della scuola secondaria.

Ciò vuol dire che al prossimo concorso scuola scondaria 2019 debba essere attribuito ai titoli il 40%del punteggio finale e, all’interno di questa quota, che la metà sia riconosciuta al servizio. Nella pratica, ciò si traduce che nelle graduatorie di merito del concorso fino a 20 punti su un totale di 100, potranno andare ai titoli di servizio.

Tali precari, sono esonerati dal conseguimento dei 24 CFU.

Concorso scuola 2019, per i precari un punteggio più alto per il servizio

Concorso scuola secondaria 2019: per i posti di ITP si accede solo con il diploma

Al concorso scuola secondaria, potranno accedere con il solo requisito del diploma: “gli insegnanti tecnico-pratici sino al 2024/2025 potranno partecipare alle procedure concorsuali con il solo titolo di studio del diploma e senza l’obbligo del conseguimento dei 24 CFU.

In seguito, dopo l’anno scolastico 2024/2025, se non dovesse intervenire alcuna modifica, per gli ITP che vogliono partecipare al concorso sarà richiesta la laurea oppure un diploma dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica di primo livello, o in alternativa, un titolo equipollente o equiparato, in coerenza con le classi di concorso vigenti al momento dell’indizione del concorso, oltre ad i 24 CFU nelle “discipline antropo-psico-pedagogiche e metodologie e tecnologie didattiche”.

Concorso scuola 2019, ITP partecipano con il diploma e senza 24 CFU: ecco perchè

La riforma del reclutamento

La riforma del reclutamento prevede la possibilità di concorrere in un’unica regione e per una sola classe di concorso “distintamente” per il primo e secondo grado e per i posti di sostegno.

Si formerà una graduatoria di vincitori che avrà valenza biennale, così come sarà biennale l’indizione delle procedure concorsuali.

Dopo il concorso niente FIT: solo un anno di formazione e prova

Una volta vinto il concorso scuola secondaria 2019, il docente inizierà un “percorso annuale di formazione iniziale e prova“. Questo percorso sarà quindi annuale, cioè una volta vinto il concorso, il docente dovrà frequentare questo anno di “transizione” alla cattedra definitiva. Prima però sarà necessaria una valutazione finale.

Pertanto, è stato abolito il sistema di formazione iniziale adottato dal decreto Legislativo n. 59/2017, in merito ai tre anni di formazione iniziale e tirocinio che i vincitori di concorso dovevano sostenere prima di entrare in ruolo.

Un volta superato l’anno e confermato in ruolo, il docente vincitore di concorso dovrà restare altri quattro anni nella stessa scuola in cui ha superato l’annualità di formazione e prova, per un totale di cinque anni di blocco sulla stessa sede.

 

LA RIFORMA DEL RECLUTAMENTO NELLA LEGGE DI BILANCIO

 

LEGGI ANCHE
Concorso docenti 2019, il bando entro l’anno ma le assunzioni no
Concorso scuola secondaria 2019, posso partecipare sia sul posto comune che sul sostegno?
Concorso scuola 2019, ecco come si diventa abilitati
Concorso scuola, Bussetti: “Cinque anni di blocco per i vincitori e superpunteggio per i precari”
Concorso scuola 2019, quando arriverà il bando?
Concorso scuola 2019, per i precari un punteggio più alto per il servizio
Concorso scuola 2019, posti di sostegno: potrò partecipare se ancora non avrò la specializzazione?
Concorso scuola 2019, 12 su 24 cfu possono essere acquisiti tramite atenei telematici
Concorso scuola 2019, cinque anni nella stessa sede per i neoassunti
Concorso scuola 2019, emendamento: per i precari super valutazione del servizio
Concorso scuola 2019, tabella di corrispondenza tra classi di concorso e indirizzo di studio
Concorso scuola 2019, ITP partecipano con il diploma e senza 24 CFU: ecco perchè
Concorso scuola 2019, trova classi di concorso e titoli di accesso
Concorso scuola 2019, a quante procedure posso partecipare?
24 CFU, cosa sono e come acquistarli per diventare insegnante
Concorso scuola 2019, penalizzati i precari: per loro solo una quota riservata del 10%
Concorso scuola 2019, come cambia il reclutamento dei docenti
Concorso scuola 2019, addio FIT. Come conseguire i 24 CFU
Concorso scuola 2019, chi è esonerato dall’obbligo dei 24 cfu?
Concorso scuola 2019, dentro i precari con tre anni di servizio
Concorso scuola 2019, aperto a tutti i laureati con 24 CFU
Concorso scuola 2019, cancellato il FIT: ci sarà solo anno di prova e formazione
Concorso scuola 2019, non serve l’abilitazione all’insegnamento