Home Concorsi Concorso scuola. Stem, le sedi d’esame regione per regione

Concorso scuola. Stem, le sedi d’esame regione per regione

CONDIVIDI

Il concorso Stem è sul blocco di partenza. Il bando, pubblicato in Gazzetta Ufficiale nella serata del 15 giugno, autorizza gli Usr a definire calendari delle prove e sedi per i vari candidati. La prova computer based si svolge nella regione per la quale il candidato ha presentato domanda ai sensi dell’Art. 4, comma 2 del DD 826/2021.

La mappa dei posti

iscriviti

ISCRIVITI al nostro canale Youtube

METTI MI PIACE alla nostra pagina Facebook

Sull’avviso della Regione Puglia, si legge:

Icotea

Le operazioni di identificazione dei candidati avranno inizio rispettivamente per ogni prova scritta: alle ore 07.30 per il turno mattutino; alle ore 13.00 per il turno pomeridiano. La prova avrà inizio alle ore 09.00 e terminerà alle ore 10.40 per il turno mattutino e alle ore 14.30 e terminerà alle ore 16.10 per il turno pomeridiano, fermi restando gli eventuali tempi aggiuntivi di cui all’articolo 20 della legge 5 febbraio 1992, n. 104.

Ai sensi dell’art. 5, comma 2, del citato D.D. 826/2021: “La mancata presentazione nel giorno, luogo e ora stabiliti, ancorché dovuta a caso fortuito o a causa di forza maggiore, comporta l’esclusione dalla procedura”.

I candidati che non ricevono comunicazione di esclusione dalla procedura sono tenuti a presentarsi per sostenere la prova scritta, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità, del codice fiscale, della ricevuta di versamento del contributo di segreteria e di quanto prescritto dal protocollo di sicurezza che sarà pubblicato sul sito del Ministero e sul sito dello scrivente.

I comunicati sulle sedi d’esame regione per regione

Molte le regioni che ai link degli USR hanno già reso pubblico l’elenco delle sedi d’esame per singola classe di concorso, dalla Basilicata alla Puglia, passando per la Toscana. La Puglia ha precisato anche il protocollo di sicurezza da rispettare. Per approfondimenti vai ai link degli uffici scolastici regionali.

Abruzzo

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sicilia

Toscana

Umbria

Veneto